Italia: aumentano le emissioni di gas serra

In Italia crescono le emissioni di gas serra. Si evidenzia invece un calo delle emissioni di gas serra prodotti dal settore energetico.

(Photo by Sean Gallup/Getty Images)

La questione climatica rimane centrale e di fondamentale importanza per il futuro del pianeta e, sotto questo punto di vista ogni Paese dovrà incidere in un tassello. Il dato negativo è però tangibile: le emissioni di gas serra stanno aumentando nel nostro paese – ad affermarlo è l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale).

Fisiologicamente la nuova fase economica post pandemica ha portato le attività industriali ad aumentare le proprie produzioni. Questo sta causando, in modo progressivo un aumento delle emissioni. I gas serra continuano ad ampliarsi in modo molto impattante. I dati riportano un aumento del 4,8% rispetto allo scorso anno ma anche un rialzo del Pil del 6,1% rispetto a quello del 2019.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> G20 Roma, accordo sul clima: cosa hanno deciso i big del pianeta

La previsione dell’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale parla di un incremento delle emissioni dell’ 8,4% per le industrie e dell’11,1% per i trasporti. La buona notizia arriva invece dal settore energetico, il settore che più di tutti sta subendo una progressiva transizione.

Proprio nel settore dell’energia diminuiscono le emissioni di gas dell’1,5%. Un risultato garantito dall’utilizzo e dalla promozione di forme di produzione dell’energia più pulite a discapito del carbone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La transizione energetica passa anche dai cavi

L’Istituto afferma, come spiega Rai News, che l’incremento delle emissioni avverrà per la ripresa della mobilità e della produzione industriale, che ha raggiunto nel 2021 +14,6 rispetto al 2020. La mobilità e i consumi che riguardano il trasporto, inerenti carburanti hanno subito un rapido incremento: benzina +14%, gasolio +12%, Gpl 5%.

Il consumo del gas è aumentato del 6,5%. Il settore agricolo dovrebbe mantenere le stesse emissioni dello scorso anno. L’attenzione rimane molto alta: i prossimi anni e ancor prima i prossimi mesi, saranno importanti per capire in che modo e come l’Italia punterà alla transizione energetica.