Dario Castiglio: ecco chi è il figlio di Peppino Di Capri, un altro cognome

Dario Castiglio dopo la carriera da attore ha scelta altre strade: i motivi per cui è conosciuto con un nome diverso

Dopo Igor ed Edoardo Peppino Di Capri ha avuto il terzo e ultimo figlio, Dario, nato nel 1986. Un’infanzia nel segno del padre seguendolo nei concerti dove cantava le sue canzoni a memoria.

Dario Castiglio
Dario Castiglio (foto Facebook)

E poi qualche piccolo vantaggio per essere figlio d’arte: inun’intervista a Il Mattino ha dichiarato che da bambino anche il gelataio gli faceva credito.

Ha raccontato che anche a scuola o durante le partite di calcetto quando arrivava Peppino l’attenzione si spostava tutta su di lui. Chi è popolare è abituato a queste cose, c’è per fotuna o purtroppo un prezzo da pagare e Dario conosce bene sia gli aspetti negativi che i positivi.

Nei primi ci sono le lunghissime assenze causa tournée in tutto il mondo che l’ha portato perfino a odiare a volte la musica. Tra le note belle, invece, c’è l’orgoglio di avere un padre amato e stimato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Peppino Di Capri, la malattia e la morte della moglie Giuliana

Dario Castiglio, ex attore: cosa fa oggi

A differenza dell’altro fratello che ha seguito le orme paterne non ha fatto il musicista. Entrambi hanno però dovuto fare i conti con l’essere i “figli di”, come succede in tutte le famiglie delle star. Edoardo è andato all’estero e Dario ha preso la decisione di cambiare nome, solo artisticamente e non all’anagrafe.

Dario Castiglio
Dario Castiglio (foto Facebook)

Il padre scelse come cognome l’isola di origine lui ha optato per “Castiglio” da Castiglione, una parte di quella amato isola, la collina dove da bambino giocava a pallone. Si è scrollato di dossi le dicerie che si presentavano ogni volta andava a un provino quando faceva l’attore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Johnny Cash, chi era il cantante country a cui rende omaggio Bobby Solo

Poi la scelta di lasciare quella strada per la lunga gavetta da fare che forse non porta a nulla e per via dei tanti compromessi. Ha così abbandonato quel campo e oggi per sei mesi all’anno vive proprio sull’amata isola napoletana dove gestisce un’agenzia di servizi.