Gigi D’Agostino: “Un male aggressivo mi consuma, continuo a combattere”

Il noto Dj Gigi D’Agostino non sta bene. L’annuncio arriva via social tramite il proprio profilo Intagram: il calore dei fan

Da mesi sta combattend ocontro un male che l’ha colpito in modo aggressivo, ha rivelato a tutti i followers. Non ha fornito specifici dettagli, di cosa si tratta particolarmente e in quale zona del corpo. Ma è certamente qualcosa di tremendo perché il dolore “non gli dà pace” e la sofferenza lo “consuma”. “Mi ha reso molto debole – ha proseguito ma non ha intenzione di arrendersi –  continuo a lottare, spero di trovare un pochino di sollievo”.

Gigi D'Agostino
Gigi D’Agostino (foto Instagram)

Infeni conclude il messaggio che mai avrebbe voluto scrivere e che mai i fans avrebbero voluto leggere che sono tanti gli auguri che sta ricevento, “mi trasmettono tanta forza, mi scaldano il cuore. Tanto Amore, Gigi“, firma il Dj che proprio oggi compie 54 anni.

Oltre ai messaggi ai quali fa riferimento, tanti altri gli arrivano pubblicamente come commento al posto. Tutti d’incoraggiamento e lo invitano a tenere duro davanti alla malattia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mauro Icardi e Wanda Nara nella bufera: accusati di riciclaggio

Chi è Gigi D’Agostino

Gigi D’Agostino ha segnato un’epoca della musica dance tra gli anni Novanta e i Duemila. Pseudonimo di Luigino Celestino Di Agostino, è nato a Torino nel 1967 e oltre a essere un disc jockey è anche produttore discografico e conduttore radiofonico.

Screen Instagram Gigi D’Agostino

Inizia l’attività di disc jockey nel 1986 nalla città natale presso la discoteca Woodstock. Comincia a farsi conoscere con le cover di famosi brani italiani e stranieri che proseguirà anche quando diventerà un affermato Dj.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maria Monsè: lo sfogo dopo l’uscita dalla casa del GF Vip

Il primo album risale al 1996 ed è omonimo. Tre anni dopo arriva il grande successo di L’Amour Toujours, lo stesso titolo che al quarto album, L’Amour Toujours II con l’intramezzo di All in One Night nel 2001.