Il dramma e il lutto di Jasmine Trinca: “Ho reagito così alla vita”

Jasmine Trinca, ha perso il padre e la madre per il ruolo di Irene nella pellicola “La stanza del figlio”, il regista Nanni Moretti cercò oltre 2500 candita, ma alla fine scelse una ragazza di 19 anni.

 

L’attrice da quel momento durante la sua carriera ha vinto diversi David di Donatello, per poi totalizzare 4 Nastri d’Argento e due Globi d’Oro, due Ciak d’Oro e il Premio Marcello Mastroianni durante la Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia.

Jasmine Trinca, il dramma dei due lutti subiti in famiglia (Screenshot)
Jasmine Trinca, il dramma dei due lutti subiti in famiglia (Screenshot)

L’attrice vincerà anche il premio Gian Maria Volontè e il premio Un Certain Regard come miglior attrice. La sua carriera è piena di soddisfazioni e traguardi, è diventata negli anni una delle attrici più richieste nel panorama italiano, la sua vita privata è stata segnata da alcuni lutti.

L’attrice durante alcune interviste ha parlato del lutto per la scomparsa dei suoi genitori, suo padre morì quando era molto piccola, mentre sua madre è morta di recente.

Le perdite sono avvenute in due momenti diversi della sua vita, questo l’ha segnata in maniera profonda e in egual misura, subito dopo l’attrice si è data un solo obiettivo, ovvero raggiungere la felicità a tutti i costi.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Chi è Valentina Cenni, attrice e moglie di Stefano Bollani

Jasmine Trinca, ha perso suo padre da piccola, non l’ha mai conosciuto

L’attrice durante la perdita di suo padre reagì con la sua tipica “buffonaggine” cercando di superare l’imbarazzo tra i banchi delle scuole elementari. Si è ritrovata a spiegare la sua perdita a sua figlia, per poi evitare di raccontare storie così intime e dolorose.

L’attrice ha dichiarato che non è importante raccontare come i suoi genitori sono andati via, ma bensì cosa hanno fatto per lasciare qualcosa di buono a chi è stato vicino a loro.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sulla mia pelle: cosa c’è da sapere sul film su Stefano Cucchi

Il padre dell’attrice è un ricordo sbiadito, proprio perché era troppo piccola per ricordarlo, l’idea che ha sempre avuto è quella di un fantasma. Mentre la parte dell’attrice che non ha mai conosciuto suo padre ha dovuto fare i conti con sé stessa.

La sua vita è stata segnata dalla perdita dei suoi genitori, per tantissimo tempo è stata convinta che non ci fosse stato spazio per la sua tristezza, ma nonostante tutto si preoccupava troppo di come gli altri l’avrebbero percepita. Attualmente non le interessa di coltivare questa tristezza, ma bensì tende a realizzare la sua felicità giorno dopo giorno.