Amici 21, la Prof rimprovera l’allieva: “Sei moscia e finta”

Amici 21, Prof dura contro la ballerina: non è la prima volta che utilizza parole pesanti nei suoi confronti

“Prima della tecnica, prima di qualsiasi cosa per me ci devono essere consapevolezza e cervello”. Così l’insegnante Alessandra Celentano nel daytime di Amici andato in onda lunedì 20 dicembre rivolgendosi a Cosmary Fasanelli.

Amici 21
Amici 21 (foto Facebook)

Quello di ieri è stato solo un nuovo confronto tra le due con la Celentano che ha detto chiaramente di non essere soddisfatta dell’ultima esibizione in studio della ragazza. Senza consapevolezza e cervello, ha proseguito, “non si va da nessuna parte”.

L’insegnante ha usato parole dure. Ha reguardito (e forse anche spronato) Cosmary dicendo che è troppo moscia e che “più di così non si può”. Non ha visto colori l’insegnante e neanche dinamica. “Facce finte, facce fintissime. Devi vivere quel momento, non devi recitare”, ha proseguito. Poi la chiusa finale che danno idea della condizione in cui si trova la ballerina: “anche un piccolissimo miglioramente – ha detto – non è sufficiente”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Alex Rina di Amici, chi è la fidanzata: la sua reazione su Cosmary

Amici 21, nuovo attacco della Celentano a Cosmary

L’insegnante ha poi spiegato meglio ancora il senso delle sue parole. Ha utilizzato quelle frasi per provare a lasciarle qualcosa perché è interessata a insegnarle qual è “il medoto di lavoro”.

Cosmary Fasanelli (Instagram)

Per la Celentano la ballerina si buttà giù e non deve farlo perché deve “capire, acquisire e mettere in atto”. Cosmary non è rimasta in silenzio. Ha risposto che si butta già perché “si sentiva vera”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> GF Vip 6, duro battibecco Bresciano-Belli: “Pensa a tua moglie”

Non è certamente la prima volta che Alessandra Celentano riprende bruscamente la ballerina. Nei giorni scorsi aveva criticato la preparazione e il fisico, definiti “scadenti”. Cosmary aveva risposto promettendo il massimo impegno per migliorare.