Morazzone, uccide figlio di 7 anni e lo nasconde nell’armadio

0
270

Drammatico infanticidio a Morazzone, in provincia di Varese: uomo di 40 anni uccide figlio di 7 e lo nasconde nell’armadio.

Un gesto sconcertante quello compiuto da un uomo di 40 anni a Morazzone, in provincia di Varese: il 2022 si apre con un drammatico infanticidio, che lascia tutti senza parole. L’uomo – che si era separato dalla moglie – ha ucciso infatti il figlio di appena sette anni. Successivamente, si è recato nella vicina Gazzada, dove la ex moglie viveva a casa dei genitori.

(screenshot video)

Ha anche cercato di uccidere la donna, prima di provare una fuga senza vie d’uscita. Infatti, una volta scattato l’allarme, da parte degli ex suoceri, l’uomo è stato arrestato dai militari dell’Arma dei Carabinieri a Viggiù. Ma l’orrore doveva ancora essere scoperto: infatti, in seguito alla perquisizione domiciliare a Morazzone, è emerso quello che l’uomo aveva compiuto.

Leggi anche –> Olivia morta a 14 anni: uccisa da un automobilista drogato a Capodanno

L’uomo, che era sottoposto alla misura restrittiva dei domiciliari, stando a quanto è emerso, ha commesso il raccapricciante delitto del figlio di sette anni. Lo avrebbe infatti colpito con un fendente alla gola. Una sola coltellata, che però è risultata fatale anche per la ferocia con la quale è stato colpito il bambino.

Leggi anche –> Marcello Pantaleo, il tragico epilogo: trovato morto l’infermiere

Uccide il figlio di 7 anni a Morazzone: il raccapricciante delitto

I dettagli del gesto compiuto dal 40enne sono dunque raccapriccianti: come detto, la prima a lanciare l’allarme è stata proprio l’ex moglie, insieme ai genitori. La donna, dopo essere stata aggredita, è stata soccorsa dai familiari, che a loro volta hanno chiamato i soccorsi dell’Areu. Quindi, è stata accompagnata al pronto soccorso.

La donna, stando a quanto è stato possibile apprendere, non è in pericolo di vita. Nel frattempo, il 40enne aveva fatto perdere le sue tracce. Quello che ha più sconcertato, in seguito, è stato il fatto che del bambino, nato dalla relazione tra i due e che aveva appena sette anni, non si avevano notizie. Così è scattato l’allarme e si è temuto che davvero potesse essere successo qualcosa di grave.

I carabinieri si sono messi sulle tracce dell’uomo e appunto lo hanno rintracciato e fermato a Viggiù. Quindi in un armadio della sua abitazione di Morazzone hanno trovato il corpo privo di vita del bambino. Stamattina per il 40enne sono scattate le manette, con l’accusa gravissima di aver ucciso appunto il figlioletto di sette anni.