Incidente con la Porsche per il giocatore della Roma: le sue condizioni

Inizia con una disavventura il 2022 del centravanti della Associazione Sportiva Roma Tammy Abraham coinvolto, suo malgrado, in un incidente automobilistico

Il giovane attaccante inglese si stava recando al centro sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria a bordo del suo Porsche Cayenne per sostenere il primo allenamento dell’anno

Incidente Abraham

Inizia in maniera poco piacevole il 2022 agonistico del centravanti della Associazione Sportiva Roma Tammy Abraham. Il bomber inglese di Josè Mourinho, infatti, la mattina di lunedì 3 gennaio, giorno della ripresa degli allenamenti dopo la pausa natalizia, è stato coinvolto in uno spiacevole incidente stradale.

—>>> Ti potrebbe interessare anche: Atalanta-Roma 1-4, rilancio giallorosso: tabellino e highlights

I fatti. Come detto è successo tutto la mattina di lunedì 3 gennaio ma i dettagli sono emersi con chiarezza solo oggi. Il giovane e promettente attaccante inglese, prelevato in estata dal Chelsea per 40 milioni di euro, si stava recando, come ogni mattina, al centro di allenamento Fulvio Bernardini di Trigoria quartiere a Sud della Capitale.

—>>> Leggi anche: Roma-Torino 1-0, decide una rete di Abraham: tabellino e highlights

Incidente per Tammy Abraham sulla Cristoforo Colombo

Tammy Abraham per arrivare al centro sportivo percorre una strada molto nota e molto trafficata di Roma, Via Cristoforo Colombo. Poco prima dello svincolo per Via Laurentina, la strada consolare che conduce a Trigoria all’altezza del mega Centro Commerciale Euroma 2 si è visto tagliare la strada da una utilitaria guidata da una signora di 43 anni.

L’attaccante giallorosso a bordo del suo Porsche Cayenne ha tentato la manovra per evitarla ma la distanza era troppo ravvicinata e l’impatto è stato inevitabile. All’inizio tanta paura ed un pizzico di frustrazione.

Poi, quando i conducenti sono scesi dai rispettivi mezzi, è stato subito evidente che i danni alle macchine ed alle persone, nonostante la violenza dell’impatto, erano minimi.

Il calciatore della Roma e la giovane signora con cui c’è stato lo scontro hanno cosi deciso di ricorrere, senza la necessità di ricorrere al supporto della Polizia Locale di Roma Capitale alla constatazione amichevole del danno. Poteva andare decisamente peggio.