Jeremy, il figlio di Marcell Jacobs: parla l’ex compagna dell’atleta

0
98

Renata Szabo, l’ex compagna di Marcell Jacobs, parla, in una intervista al settimanale Chi Magazine, del rapporto tra il campione olimpico ed il figlio Jeremy

Si apre una polemica importante, la mamma di Jeremy accusa il campione olimpico dei 100 metri di trascurare l’erede

Marcell Jacobs

Un importante ciclone mediatico si abbatte su Marcell Jacobs il campione olimpico dei 100 metri piani e della staffetta 4 x 100 di Tokyo 2020 (anche se disputate nel 2021). A scatenare la bufera è la ex compagnia dell’atleta, Renata Szabo, mamma di Jeremy il bambino nato sette anni fa dal rapporto tra i due.

—>>> Leggi anche: Marcell Jacobs, matrimonio con Nicole Daza: quando le nozze del campione

Oggi il campione olimpico di Tokyo 2020 è sposato con la famosa fashion blogger romana Nicola Daza da cui ha avuto due figli Anthony nel 2019 e Meghan nel 2020, ma, come detto, in passato è stato per diversi anni in coppia con la Szabo. Nel 2014, il 14 dicembre per l’esattezza, l’arrivo del piccolo Jeremy un figlio che di fatto Jacobs quasi non conosce.

La coppia composta da Renata e Marcell, infatti, si separa poco dopo la nascita del bambino. E per sua stessa ammissione: “Ho trascurato mio figlio come mio padre ha fatto con me”.

La ex compagna di Marcell Jacobs attacca il campione olimpico

A ribadire il concetto arriva l’intervista sul numero oggi in edicola di Chi Magazine della mamma di Jeremy. E sono parole durissime. “Jeremy ha sette anni e patisce l’assenza di suo padre” sottolinea senza mezzi termini Renata Szabo.

—>>> Ti potrebbe interessare anche: Marcell Jacobs: “Ho trascurato mio figlio, come mio padre con me”

La mamma di Jeremy insiste poi sul fatto che il piccolo ha compiuto 7 anni lo scorso 14 dicembre e da Papà Marcell non è arrivata nemmeno una telefonata. “Poteva mandare un vocale o un messaggio scritto”. Pesante l’allusione “Jeremy è capace di leggere” che lascia sottindentendere il fatto che Jacobs non ne sia informato, visto il distacco e la distanza. “Per lui sei sempre il suo eroe” chiosa con rammarico.