Che lite tra Fedez e Marcell Jacobs: il clamoroso motivo che l’ha scatenata

E’ durato lo spazio di una stagione il rapporto di collaborazione tra Fedez ed il campione olimpico dei 100 metri a Tokyo 2020 Marcell Jacobs

Il contratto che legava l’atleta alla Doom Entertainment è stato interrotto bruscamente. La ricostruzione dell’accaduto

Fedez Marcell Jacobs

Finisce a stracci e carte bollate il rapporto professionale, instaurato nell’estate del 2020, tra Marcell Jacobs e la Doom, acronimo di Dream of Ordinary Madness, l’agenzia di comunicazione di Anna Maria Berrinzaghi la mamma di Federico Lucia in arte Fedez, agenzia di cui ovviamente il rapper ed influencer è il Deus Ex Machina.

—>>> Leggi anche: Codacons, da denunciante seriale a denunciato: ecco chi li sfida in Tribunale

Il rapporto professionale tra i due era nato dopo una serie di incontri conviviali per la gestione dell’immagine e dei social media dell’atleta. Nel momento della firma del contratto Jacobs era molto famoso nell’ambiente sportivo ma non era ancora conosciuto a livello mondiale.

Finisce in Tribunale il rapporto tra Fedez e Marcell Jacobs

Il rapporto è filato liscio, e con reciproca soddisfazione, fino al giorno dopo la vittoria dei 100 metri di Jacobs alla finale olimpica Tokyo. “Fiero di lavorare al tuo fianco, orgoglio italiano” scrisse su Instagram Fedez per festeggiare il traguardo dell’amico e cliente.

Ma dopo appena una settimana, come rivela l’edizione oggi in edicola de Il Sole 24 Ore, Jacobs ha rescisso unilateralmente il contratto, in scadenza al 30 settembre 2022, per affidarsi alla agenzia londinese Nexthing di Luca Oddo già fondatore della Casta Diva.

—>>> Ti potrebbe interessare anche: Jeremy, il figlio di Marcell Jacobs: parla l’ex compagna dell’atleta

Fedez, ovviamente, non l’ha presa benissimo e dopo aver cercato di risolvere bonariamente la questione, sempre secondo Il Sole 24 Ore, è ricorso alle carte bollate. Pronta la replica dei legali di Jacobs che hanno accusato il Re dei Social media di averlo “trascurato” e di non aver promosso a sufficienza la nuova dimensione globale del campione olimpico.

Cosa che di contro starebbe facendo la Nexthing che per lui starebbe approntando un ruolo di “Ambasciatore” dell’Italia nel mondo. Si preannuncia una battaglia legale non banale il cui esito è assolutamente imprevedibile