Allergia, quest’anno sarà molto più aggressiva: cosa fare subito per evitare il peggio

Le attuali condizioni climatiche incoraggiano lo sviluppo della fastidiosa allergia stagionale: ecco come correre ai ripari.

allergia, fastidioso compagno della primavera
allergia, fastidiosa compagna della primavera (fonte pixabay)

Questa primavera è iniziata all’insegna di una prolungata siccità, che affligge ormai il Belpaese, soprattutto nelle regioni settentrionali, da circa lo scorso dicembre. La stagione si sta gradualmente schiudendo, e il sole tiepido incoraggia le passeggiate all’aria aperta e la attività outdoor; attenzione, però…

C’è in agguato un temibile avversario: si tratta dell’allergia stagionale, che quest’anno può manifestarsi in una forma ben più aggressiva rispetto alle precedenti. L’assenza di piogge, infatti, favorisce il ristagno dei temuti pollini, e lo smog, associato agli allergeni, permane cocciuto sia in ambienti rurali, che in città. Cosa fare per evitare di spendere un patrimonio in fazzoletti e antistaminici? Ecco di seguito qualche piccolo accorgimento per prevenire e contrastare l’insorgere di fastidiose allergie.

Allergia, tutti i rimedi per prevenire ed arginare questo fastidioso disturbo

allergia stagionale, pollini
allergia stagionale, pollini (fonte pixabay)

Il nostro sistema immunitario è il nostro alleato primario per difendere l’organismo dall’intrusione di agenti nocivi e, anche in caso di contatto con il polline, esso mette in atto una serie di strategie difensive. I pollini sono notoriamente innocui, ma contengono una sostanza, l’istamina, che nei soggetti allergici va a cozzare con il sistema immunitario. In tal caso, la difesa attuata dall’organismo si manifesta con ripetuti starnuti, lacrimazione oculare, pruriti diffusi, nonché il fastidioso naso che cola.

Le piante a cui prestare maggiore attenzione sono le seguenti: le graminacee, la betulla e il cipresso, facilmente avvistabili in qualsiasi contesto urbano. Altre, meno comuni sono l’artemisia, la mimosa, la parietaria e l’ambrosia.

Come difenderci dai pollini? La soluzione meno invasiva e praticamente a costo zero è rappresentata dai suffumigi, effettuati tramite l’inalazione di vapori bollenti. Sarà sufficiente riscaldare un pentolino di acqua, portarlo ad ebollizione, e respirarne successivamente gli effluvi. Per una maggiore efficacia, si consiglia anche di aggiungere degli oli essenziali balsamici, come l’olio 31: pochissime gocce sortiranno l’effetto desiderato.

allergia, olii essenziali
allergia, olii essenziali (fonte pixabay)

Un altro validissimo alleato contro le reazioni allergiche da pollini sono i lavaggi nasali con le apposite soluzioni saline. Tali composti sono facilmente reperibili e il loro costo è praticamente irrisorio: due lavaggi al giorno garantiscono una detersione efficace e delicata di narici e mucose. Per lenire l’arrossamento degli occhi, e la successiva lacrimazione, l’applicazione di un collirio delicato (magari alla camomilla) può essere risolutiva. Da applicare all’occorrenza, il suo effetto può essere amplificato anche da impacchi freddi sugli occhi.

Prevenire l’allergia stagionale: cosa fare

E ora veniamo alla prevenzione: è necessario porre maggiore attenzione alla routine di pulizie della casa, insistendo sulle zone in cui i pollini possano adagiarsi con più facilità. Arieggiare le stanze è una pratica irrinunciabile, ma è consigliabile farlo nelle prime ore della mattina, oppure a tarda sera. Se il vostro pavimento è arricchito da tappeti, o se il vostro amico a 4 zampe condivide la sua vita con voi tra le mura di casa, non trascurate di utilizzare l’aspirapolvere almeno 2 volte a settimana!

Infine, se questi accorgimenti dovessero non rivelarsi sufficienti, non esitate a rivolgervi al vostro medico di fiducia: potrebbero rendersi necessari ulteriori accertamenti!