Punture di ZANZARE e prurito insopportabile: risolvi tutto con questo dentifricio

Tra i tanti rimedi naturali per eliminare il prurito provocato dalle punture di zanzare ma c’è anche l’uso di un dentifricio con una caratteristica speciale.  

punture di zanzare
Punture di zanzare

Arriva l’estate e puntualmente, oltre alle giornate di mare e alle tanto agognate vacanze, si porta dietro un inconveniente assai fastidioso come quello delle zanzare, insetti capaci di rovinare il divertimento.

I loro attacchi si portano dietro un prurito insopportabile che rende irresistibile la tentazione di grattarsi, e bolle antiestetiche che possono far passare la voglia di stare in mezzo alla gente.  Le zanzare pungono perché si nutrono di sangue e in cambio iniettano nel nostro organismo una saliva ricca di enzimi, difronte alla quale il nostro corpo reagisce producendo istamina, la proteina che dilata i vasi sanguigni creando il pomfo o rigonfiamento e il conseguente prurito

Sono tante le persone che usano prodotti farmacologici per eliminare la fastidiosissima sensazione di prurito, ma può capitare che questi prodotti scatenino a loro volta reazioni allergiche. Meglio quindi ricorrere ai rimedi naturali, e tra questi c’è l’uso di un dentifricio particolare.

Punture di ZANZARE, usa il dentifricio: ma deve aver una caratteristica particolare

Punture di zanzare
Punture di zanzare

Le zanzare sono attratte dall’anidride carbonica prodotta e rilasciata in eccesso dal nostro corpo, cosa che accade quando si è in sovrappeso o, per le donne, quando si è incinta. Questi insetti fastidiosi vengono attratti anche da alcuni gruppi sanguigni a cominciare dal Tipo  0, e dall’acido lattico che viene prodotto in grande quantità dal nostro corpo quando pratichiamo attività fisica.

Per porre rimedio al prurito insopportabile delle punture di zanzara esistono parecchi rimedi naturali, che ci premettono di non impiegare prodotti farmacologici. Tra questi rimedi quello più conosciuto prevede l’utilizzo del ghiaccio. Si avvolge qualche cubetto in un panno che va applicato sulla zona punta dalla zanzara in modo da generare uno shock termico.

Il freddo ha un effetto vasocostrittore che anestetizza e calma la parte colpita dalla zanzara. Inoltre il ghiaccio ha la capacità di rallentare il rilascio dell’istamina che scatena la voglia irresistibile di grattarsi.

Ma gli stessi benefici del ghiaccio si possono ottenere applicando sulla zona interessata un po’ di dentifricio. Ma non può essere un dentifricio qualunque, bensì uno contenente il mentolo. Il principio attivo contenuto nell’olio essenziale di menta produce effetti immediati, regalando subiti una sensazione di freschezza ed esercitando un effetto astringente che sgonfia le bolle provocate dalle punture.