Ucciso+per+un+post+su+Facebook%3A+colpevole+condannato+a+14+anni
ck12it
/2023/01/27/ucciso-per-un-post-su-facebook-colpevole-condannato-a-14-anni/amp/
Cronaca

Ucciso per un post su Facebook: colpevole condannato a 14 anni

Published by
Giulia

Un giovane ragazzo di Palermo, nel maggio del 2018, venne ucciso a causa di un post su Facebook. Ora la condanna definitiva: 14 anni di carcere

Nelle ultime ore, il colpevole dell’uccisione di Dino Salvato è finito in manette e la condanna è definitiva: deve scontare una pena di 14 anni di carcere.

Ucciso per un post su facebook: arriva la condanna (ck12.it)

Si sa, la giustizia italiana è piuttosto lenta e certe questioni impiegano anni per arrivare a una soluzione finale. L’omicidio del 29enne Dino Salvato è accaduto il 21 maggio 2018 a Palermo e solo oggi la Cassazione ha scritto la parola “fine” su questa orribile vicenda: lo zio Alfonso Vela, che ha ammazzato il nipote a causa di un post su Facebook, è finito in carcere.

Alfonso Vela in carcere: uccise il nipote per un post

Secondo le ricostruzioni fatte dagli agenti, lo zio e il nipote erano entrambi raccoglitori di ferro. Tra di loro i rapporti non erano mai stati pacifici e la tensione era all’ordine del giorno. A scatenare la furia omicida di Alfonso Vela, però, fu un articolo condiviso dal povero Dino Salvato sul proprio profilo Facebook. Qui, si faceva riferimento a un sequestro di ferro e di rottami proprio a carico dello zio: dopo una lite, Vela impugnò l’arma e uccise il nipote.

Durante l’interrogatorio di garanzia, Vela provò a sostenere che fosse stato Dino a presentarsi armato e che lui si fosse solo difeso, strappandogli la pistola. Dopo diverse ore, però, lo zio di Dino confessò tutto e indicò anche il luogo in cui ritrovare l’arma del delitto.


Negli ultimi giorni, la Corte di Cassazione ha confermato e reso definitivo il verdetto di condanna che la Corte d’Appello aveva ridotto da 18 a 14 anni per Alfonso Vela. Il reo confesso dell’omicidio del nipote, inoltre, deve risarcire i parenti della vittima con una cifra complessiva ancora da stabilire, ma che si prevede molto alta.

Condannato a 14 anni di carcere (ck12.it)

In sede di secondo grado, invece, era stato assolto Emanuele Marino, un parente di Alfonso Vela in primo luogo accusato di favoreggiamento. Secondo le prime ipotesi, era presente al momento dell’omicidio e avrebbe aiutato l’assassino a fuggire: per quanto riguarda lui, sono cadute tutte le accuse. Per lo zio di Dino, invece, si aprono in via definitiva le porte del carcere.

Recent Posts

  • Life Style

Un’elegante alternativa ai pantaloni: ecco le tute di Elisabetta Franchi

Nell'universo della moda, l'innovazione è all'ordine del giorno, e pochi designer riescono a incarnare questa…

3 giorni ago
  • Life Style

Cinque regali da fare alla tua migliore amica

Scegliere cosa regalare a un’amica per il suo compleanno potrebbe non essere una cosa semplice,…

3 mesi ago
  • Life Style

Realizzare il sogno di una casa propria: tutto su mutui e agevolazioni

L’acquisto della prima casa continua a essere uno degli investimenti più diffusi tra le famiglie…

7 mesi ago
  • Info utili

Da gennaio 2024 l’Inps pagherà i ratei pensioni a chi ne fa domanda online, le ultime novità

INPS, da gennaio 2024 un passo avanti nell'efficienza e trasparenza del sistema di pagamento delle…

8 mesi ago
  • Info utili

Il desiderio nascosto di Aurora Ramazzotti, fare paracadutismo: ecco tutti i luoghi dove si pratica in Italia e quanto costa

Aurora Ramazzotti ha svelato il suo sogno nascosto: fare paracadutismo. Ma quanto costa e dove…

8 mesi ago
  • Info utili

Pelle a tendenza atopica: tutti gli alimenti out che aumentano l’infiammazione

Quando si ha una pelle a tendenza atopica è necessario seguire un’alimentazione antinfiammatoria. Ecco cosa…

8 mesi ago