Carema, l’assurda morte di una donna di 48 anni: intossicata dal mosto del vino

0
149

Carema, la morte di una donna intossicata dal mosto

Carema morte donna mosto

E’ finita in maniera tragicamente assurda la vita di Iva Enrietti, donna di 48 anni titolare di un Bed & Breakfast a Carema comune di 700 abitanti in Provincia di Torino a pochi chilometri di distanza dal confine con la Valle d’Aosta, la donna ha incontrato la morte a causa delle esalazioni del mosto della recente vendemmia sul quale stava lavorando. I drammatici dettagli

I fatti

E’ la sera di domenica 4 ottobre a Novelletto di Carema dove, in via Chianei Piano, a Novelletto è sito il Bed & Breakfast “I Vigneti” di cui la Enrietti è titolare. Come accade ogni sera dal momento dell’avvio della vendemmia la vittima scende nella cantina dell’impresa per rimestare il mosto e verificare se la fermentazione procede in maniera corretta. La donna è un’esperta della materia, produce vino col disciplinare carema, vitigno prodotto esclusivamente nel comune del Canavese e nulla fa presagire che si sta per verificare una tragedia. Da quello che si apprende da cronisti locali la donna è salita su una scala per sovrastare il tino contenente il frutto della pigiatura e, per motivi ancora da chiarire, è rimasta intossicata dalle esalazioni del mosto. La titolare de “I Vigneti” ha quindi perso i sensi ed è caduta nel mosto. La morte è subentrata per asfissia nel giro di pochi minuti.

—>>> Leggi anche Morte sul lavoro a Cavallermaggiore, ucciso dalle esalazioni di un silos

Gli inutili soccorsi

A fare la tragica scoperta, e a dare l’allarme, il compagno della donna. L’uomo ha chiamato il 112 che ha attivato prontamente sia la Asl Torino 4 di Ivrea che i Carabinieri. Ma i sanitari e le forze dell’ordine intervenuti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Iva Enrietti, 48 anni era già morta soffocata dal prodotto che tanta gioia e tanta soddisfazione le aveva dato nella sua vita imprenditoriale. Un tragico e beffardo destino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here