Michelle Hunziker vittima di violenza: “Spesso si continua a subire”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:14
0
129

Anche la conduttrice televisiva Michelle Hunziker ha spiegato di essere stata vittima di violenza: “Spesso si continua a subire”.

(Instagram)

Ci sarà anche Michelle Hunziker oggi nella puntata di Verissimo dedicata al tema della violenza sulle donne: la nota conduttrice è in prima linea con la Onlus Doppia Difesa proprio per raccogliere le denunce di altre donne e qualche mese fa ha rivelato per la prima volta di essere stata anche lei direttamente coinvolta in un grave episodio. Lo ha fatto in un’intervista al settimanale ‘Oggi’, chiarendo che né Eros Ramazzotti, né Tomaso Trussardi hanno nulla a che vedere con questa vicenda.

Leggi anche: Valeria Graci, ex marito Simon Russo: “Il mio cellulare distrutto”

Il dramma di Michelle Hunziker: “So che cosa vuol dire”

“Non ho mai parlato a fondo di quello che ho subito. Però posso dire che conosco ogni dettaglio, ogni singolo dettaglio, e le donne lo sentono”, sono le parole di Michelle Hunziker. La conduttrice televisiva ha spiegato ancora: “Mi è andata bene, la vita mi ha dato tante possibilità, e in qualche modo dovevo ringraziare, dare qualcosa in cambio… Ognuno di noi cerca di fare del bene là dove ha vissuto delle esperienze personali… e io sono una che ha vissuto molto da vicino tutto quello che è discriminazione femminile, e violenza”.

Proprio perché è stata lei stessa vittima di violenza, le donne che si rivolgono a Doppia Difesa si fidano di lei e le raccontano i loro percorsi. “La credibilità, quando fai qualcosa, ce l’hai perché le persone ti “leggono”, si rendono conto che tu le comprendi davvero, e io so esattamente che cosa capita nella psicologia di una donna che vive una violenza”, sottolinea infatti Michelle Hunziker. Ma come se ne esce? Una soluzione prova a darla proprio lei: “Ho solo capito che se avessi continuato a subire quella violenza, sarei stata corresponsabile di quella violenza”.

Leggi anche: Loredana Berté, il dramma dello stupro: “Bisogna denunciare”