Lalo Maradona, il fratello ‘dimenticato’ di Diego e Hugo

0
2161

Cosa sapere su Lalo Maradona, il fratello ‘dimenticato’ di Diego e Hugo: il suo piccolo miracolo calcistico, la partita con tutti e 3 i fratelli.

(Allsport/Getty Images)

Classe 1966, Raúl Alfredo Maradona Franco Raúl Maradona, calciatore noto a tutti semplicemente come Lalo, è uno dei fratelli di Diego Armando Maradona che ha provato a calcare i campi di gioco. L’altro è Hugo Maradona, che vive ancora in Italia, a Napoli – dove allena. Il terzo fratello Maradona – classe 1969 – ha anche giocato nel nostro Paese: una stagione non certo indimenticabile ad Ascoli, acquistato dal Napoli su esplicita volontà del fratello famoso e poi girato subito in prestito nelle Marche.

Ti potrebbe interessare anche -> Morte Maradona, chi è Hugo: il fratello del Pibe de Oro vive in Italia

Quando Lalo, Hugo e Diego Armando Maradona giocarono insieme

Dell’attaccante Lalo Maradona si sa invece molto meno: lontano dai riflettori, anche per distanza geografica, è lui in realtà l’artefice di un piccolo miracolo calcistico, ovvero il ricongiungimento dei tre fratelli. Cresciuto nel Boca Juniors, infatti, Lalo nella stagione 1987-1988 passa al Granada, proprio mentre il fratello Hugo finisce ad Ascoli. I due – va detto – nel corso della loro carriera non hanno mai avuto grandi exploit. Con il Pibe de Oro condividono parentela e passione calcistica, non certo il talento.

Lalo Maradona – che dopo il Granada ha vestito diverse maglie, andando anche a giocare nei campionati indoor e militando in diverse formazioni negli Usa e in Canada – riuscì a strappare nel contratto con la squadra spagnola una clausola che vista con gli occhi di oggi, in cui il calcio è meno romantico, ha quasi il sapore della leggenda metropolitana. Nella clausola si obbligava la squadra a farlo giocare almeno una partita con Diego e Hugo. Questo avvenne puntualmente il 15 novembre 1987, quando in amichevole il Granada sfidò gli svedesi del Malmö, allo stadio Los Carmenes. La partita finì tre a due per gli spagnoli e il Pibe de Oro – che per l’occasione scese in campo con la maglia numero 9 – segnò anche un gol su punizione.

Ti potrebbe interessare anche -> Maradona, parla il fratello Hugo: “Non meritava di essere lasciato solo”