La svolta della Serie A, in arrivo il primo arbitro donna: è Maria Marotta

0
1155

Dopo la UEFA Champions League anche la Serie A è vicina alla svolta, arriva il primo arbitro donna: è Maria Marotta della sezione di Salerno

Marotta arbitro Serie A

Siamo nella pienezza dei tempi, siamo alla svolta. Dopo la designazione della bravissima arbitro francese, Stephanie Frappart, per il match di UEFA Champions League, Juventus- Dinamo Kiev adesso tocca alla Serie A.

Serie A ad una svolta

In un match di campionato previsto nel mese di dicembre l’arbitro della sezione AIA di Salerno, Maria Marotta sarà chiamata all’esordio. E per il massimo campionato italiano la svolta sarà completata.

Chi è Maria Marotta il primo arbitro donna della Serie A

Maria Marotta da San Giovanni a Piro, comune di 7000 abitanti in provincia di Salerno, classe 1984, è negli organici federali dal 2014, internazionale di calcio femminile del 2016 e negli organici della della Lega Pro maschile dal 2018. Nel mese di ottobre del 2020 ha diretto il match di Coppa Italia di una squadra di Serie B, il Cosenza, nella sfida con il Monopoli: 2-1 il risultato finale 

La Marotta si racconta all’ANSA

E’ la stessa Marotta a spiegare all’ANSA cosa sta per accadere: “Da 18 anni sono arbitroracconta il fischietto cilentanonoi donne di discriminazione non vogliamo sentir parlare neanche al contrario”. E parla dell’imminente esordio in Serie A: “Io più che sentirmi un simbolo – spiega all’Ansa – penso ‘non fare errori o rovini tutto quello che noi donne abbiamo costruito'”

—>>> Ti potrebbe interessare anche Stephanie Frappart: chi è la prima donna ad arbitrare in Champions League

Serie A, in arrivo l’arbitro Maria Marotta: il suo score

E di errori Maria Marotta in campo ne fa davvero pochi, è tra i primi in assoluto come classifica di rendimento. Non sono casuali i 22 match per i quali è stata designata in Lega Pro dal 2018 ad oggi. Ventidue gare dirette con fermezza e decisione. Nel suo score figurano 22 cartellini gialli, nessuna espulsione e un solo rigore concesso. Un arbitro mai “protagonista”, un arbitro “all’inglese”. Quello che serve in un Serie A che sempre più vuole privilegiare la continuità di gioco rispetto alle interruzioni. Una garanzia di imparzialità e di spettacolo. Il tempo è arrivato.