Frana a Sondrio, tanta paura e famiglie sfollate: la situazione

0
392

Frana a Sondrio all’alba di questa mattina. Alcune persone sono già rientrate in casa ma altri restano ancora in hotel

sondrio
Getty Images

Questa mattina a Sondrio la paura è stata tanta a causa del maltempo. Erano le 5.30 quando c’è stata una frana nella zona di via Lungo Mallero Cadorna, la strada che porta al quartiere Piazzo. Evacuate ventisette persone per lo scostamento di un terrazzamento di vigneti che cadendo è finito sulle case sottostanti. Fortunatamente non ci sono stati feriti e l’evacuazione è stata solo a titolo precauzionale.

Alcuni degli sfollati sono già rientrati. Dopo il sopralluogo dei geologi con i Vigili del Fuoco effettuati con la luce del giorno, venti persone sono rientrate nelle proprie abitazioni. Sette persone ancora non possono far rientro in casa perché le loro abitazioni, in tutto o in parte, sono coperte da fango e sassi.

Come gli sfollati che ora sono rientrati, le sette persone hanno trovato rifugio in un hotel del posto messo a disposizione del Comune. Si attendono gli esiti dei tecnici per valutare eventuali danni alle abitazioni ancora non accessibili.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Acqua alta a Venezia e il Mose non si attiva: previsto un nuovo picco

Vigili del Fuoco, tanti interventi in questi giorni

Gli interventi dei Vigili del Fuoco in queste ore sono stati tanti soprattutto al Nord Italia. In tutta la provincia di Belluno molte strade innevate e sono intervenuti i mezzi per liberarle da alcuni rifugi e aiutare chi aveva bisogno di soccorso.

I sommozzatori sono intervenuti a Torri di Quartesolo, in provincia di Vicenza, dove un tronco ha ostruito le arcate di un ponte impedendo il regolare passaggio dell’acqua. Interventi per spazzare via la neve anche nella Bergamasca e in altre province del lombardo-veneto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ancona, giovane ucciso in strada in pieno giorno: cos’è successo

Negli ultimi tre giorni sono stati circa tremila gli interventi. La maggior parte in Veneto, circa trecentocinquanta in Emilia Romagna e non sono mancati in Friuli Venezia Giulia e a Bolzano.