Giulio Regeni, per la Procura è stato “seviziato per giorni”

0
608

Giulio Regeni, la Procura di Roma nell’atto conclusivo delle indagini ha messo nero su bianco che è stato torturato fino alla morte

giulio regeni
Getty Images

Sequestro di persona pluriaggravato e concorso in lesioni personali aggravate e in omicidio aggravato, sono i reati contestati al maggiore Magdi Ibrahim Abdelal Sharif dal Procuratore capo di Roma Michele Prestipino e il pm Sergio Colaiocco dopo due anni dall’avvio delle indagini sulla morte di Giulio Regeni.

Sul corpo del giovane ricercatore friulano ucciso nel 2016 in Egitto sarebbero stati usati strumenti taglienti e roventi provocando pesanti sofferenze fisiche a distanza di giorni, in più occasioni. Regeni per nove giorni è stato nelle mani dei suoi aguzzini che l’hanno ucciso con le torture.

Si stava occupando di una ricerca sulle attività sindacali in Egitto e la condizione dei lavoratori. Regeni fu prima pedinato e sequestrato nella metropolitana della città da dove fu portato via contro la sua volontà. “L’insufficienza respiratoria acuta” provocata dai traumi agli organi vitali l’ha portato alla morte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Genova: morto il neonato rimasto schiacciato sul bus dopo una frenata

Giulio Regeni, il testimone: “L”ho visto incatenato”

Sono cinque i testimoni che i magistrati di Roma hanno sentito nel corso dell’indagine. Come riporta l’agenzia AdnKronos, uno di loro ha lavorato per quindici anni nella National Security e conosce il luogo dove Regeni è stato ucciso: una villa dei tempi di Nasser che l’agenzia di sicurezza egiziana utilizza per la prioprie attività.

Al primo piano c’è la stanza 13 dove vengono interrogati i cittadini stranieri sospettati di complotto contro la sicurezza nazionale. Il testimone ha visto il 28 e 29 gennaio 2016 Regeni in quella stanza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Fondazione Gimbe: “Giù casi ma anche i tamponi. Si rischia”

Il ricercatore italiano era a terra, ammanettato, faccia riversa sul pavimento, segni di tortura sul corpo e molto magro. “Parlava italiano e delirava“. Il testimone è certo che si trattava di lui perché l’ha riconosciuto nelle foto viste successivamente.