Funerali di Paolo Rossi: l’addio commosso di Roberto Baggio – Video

0
931

Roberto Baggio non è riuscito a trattenere le lacrime durante i funerali di Paolo Rossi a Vicenza. Presente anche tutta la Nazionale del Mondiale ’82.

baggio funerali paolo rossi
MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images

Il Duomo di Santa Maria Annunciata di Vicenza ha ospitato questa mattina i funerali di Paolo Rossi tra lacrime e commozione. Circa 300 persone hanno assistito alla messa, tra cui la Nazionale del Mundial ’82 e Roberto Baggio. La salma dell’ex campione azzurro, seguita dalla moglie Federica e dai figli, è stata accompagnata da numerosi cori e lunghi applausi.

A trasportare il feretro sulle proprie spalle sono stati i campioni del mondo del 1982: Marco Tardelli, Antonio Cabrini, Giancarlo Antognoni, Alessandro Altobelli, Fulvio Collovati, Franco Causio, Lele Oriali, Beppe Dossena, Daniele Massaro, Beppe Bergomi, Giovanni Galli e Franco Baresi.

Ti potrebbe interessare anche -> Funerali di Paolo Rossi: a Vicenza l’ultimo saluto all’eroe del Mundial ’82

Roberto Baggio in lacrime per l’ultimo saluto a Paolo Rossi

L’amico di una vita di Paolo Rossi, Roberto Baggio, non ha potuto trattenere l’emozione e si è lasciato andare a un pianto a dirotto, come tanti altri presenti ai funerali. Nonostante la grande riservatezza che negli anni ha sempre contraddistinto il Divin Codino, questa volta non è potuta che prevalere la commozione.

L’ex fantasista, originario di Vicenza, la città in cui Pablito è divenuto calciatore, ha voluto dare il suo addio ufficiale attraverso una lettera pubblicata dalla Gazzetta dello Sport. “Quando avevo 10 anni, per andare a vederlo giocare allo stadio facevo 12 chilometri in bici”, – ha scritto Baggio – “Lui è riuscito a realizzare quello che non sono riuscito a fare io: vincere il Mondiale e il Pallone d’Oro”.

Ti potrebbe interessare anche -> Morte Paolo Rossi, la disperazione di Antonio Cabrini: “Ciao fratello”

Il Divin Codino ha voluto raccontare anche un aneddoto legato a un recente incontro con l’amico, in occasione di un viaggio in Cina, quando i due parlarono di quanto si sarebbe dovuto fare per un futuro migliore, soprattutto nel calcio. Baggio ha concluso la lettera con un auspicio: “Chissà Paolo, chissà se infilerai le tue scarpette da calcio quando sarai in cielo. Spero di sì, spero che il tuo sorriso arrivi anche lì”.