Vaccino Moderna, Burioni: “Blocca anche la trasmissione, il virus è finito”

0
500

La notizia è stata appena annunciata da Roberto Burioni sulla sua pagina Facebook. 

Leggi anche -> Harry e Meghan sbarcano su Spotify: “podcast di speranza e solidarietà”

Le notizie sul Coronavirus e sui relativi vaccini messi a punto per debellarlo una volta per tutte ci ossessionano ogni giorno. C’è tanta informazione e tanta disinformazione a riguardo, tanto che gli esperti consigliano di affidarsi soltanto a voci e fonti affidabili. Una di queste, abbiamo imparato a conoscerlo, è Roberto Burioni, immunologo e professore ordinario di microbiologia e virologia presso l’Università Vita-Salute San Raffele di Milano.

Dalla sua pagina Facebook, non di rado, lancia pillole circa l’andamento della pandemia di Coronavirus, con dati e fonti sempre in evidenza. L’ultimo suo post, però, sembra essere uno dei più speranzosi mai scritti prima d’ora.

Il vaccino Moderna sembra bloccare anche la trasmissione virale” ha annunciato il professore analizzando i dati pubblicati dell’ente regolatorio Usa Food and Drug Administration (Fda), sul vaccino anti-Covid prodotto dall’azienda americana.

“Escono dati in continuazione e io devo studiarli perché dopodomani devo fare una lezione ai miei studenti proprio su questi vaccini – ha continuato Burioni -. Appena uscito un documento dove ci sono dati preliminari molto incoraggianti: il vaccino Moderna sembrerebbe bloccare anche la trasmissione del virus. Se il dato è confermato, il virus è finito“.

Leggi anche -> Coronavirus, identificata una nuova variante di Sars-Cov-2 in Gran Bretagna. Potrebbe provocare una diffusione più rapida del virus pandemico.

Il vaccino contro il Covid messo a punto da Moderna, ricordiamo, risulta efficace al 94,1% secondo la Fda che ha confermato i dati lanciati precedentemente dalla stessa azienda. Il 17 dicembre è atteso il voto definitivo dell’Fda che permetterebbe il suo utilizzo in via emergenziale. La scorsa settimana, la Food and Drug Administration, ha approvato l’uso, sempre in via di emergenza, del vaccino molto simile prodotto dalla Pfizer e BioNTech.