Francesco Benigno, casualmente attore: “Accompagnai un amico al provino”

0
932

Francesco Benigno, il noto attore e regista siciliano ha raccontato la sua difficile vita da bambino in un libro

Francesco Benigno
Foto profilo Facebook

Una carriera a interpretare il ruolo del cattivo anche se quella carriera, in realtà, non doveva proprio partire. Il noto attore Francesco Benigno (oggi ospite a Italia sì, su RaiUno) nel corso degli anni gli è spesso stato assegnata la parte del delinquente.

Anche quando ha interpretato ruoli “diversi dal cattivo”  – come in Palermo – Milano solo andata dove ha vestito i panni del poliziotto Saro Ligresti – non ha mai fatto mancare il suo accento siciliano. Ma il film di lancio su Mary per sempre, il film del 1989 del regista Marco Risi.

Aveva 21 anni e come nelle occasioni più classiche che si presentano nella vita, quel successo è stato per caso perché non doveva interpretare quel ruolo, anzi, non doveva proprio recitare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Antonella Ricci, chi è la chef di È sempre mezzogiorno

Francesco Benigno, la sua storia in un libro


Per il casting del film doveva solo accompagnare un amico ma poi fu scelto lui come raccontò in un’interista a Repubblica rilasciata nel settembre scorso. Inizialmente doveva interpretare Pietro, poi Risi volle per lui Natale Sperandeo. E fu una grande fortuna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Me Contro Te, chi sono i Ferragnez di YouTube: dai social alla Disney

Tra fiction e film oltre settanta presenze ma per Francesco Benigno c’è anche una vita da regista con Il colore del dolore prodotto dall’associazione Mery per sempre. Film a basso costo ma ad alto impatto emotivo per un ragazzo ormai cinquantenne che ha recitato con Alberto Sordi con tanto di complimenti.

Film realizzato grazie anche al contributo diretto degli amici Ficarra e Picone ma nel progetto c’è tanto altro come un libro. Benigno di può infatti definire anche scrittore essendo autore de L’inferno è dietro l’angolo (We can hope editore) con un sottotitolo che spiega molto: La speranza sembra un posto lontano ma non per questo irraggiungibile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Francesca Maresca: la voce jazz italiana incanta a Santo Stefano

In quelle pagine la sua storia scritta con il parroco di San Giovanni Bosco a Romagnolo Giuseppe Calderone. Penultimo di tredici figli, orfano di madre a nove anni con un padre preso dal gioco d’azzardo e la voglia di fuggire che vincerà su tutto. Fino alla consacrazione.