Gianfranco Vissani minaccia il governo: “Vi faccio causa”: i motivi

0
361

Gianluca Vissani attacca frontalmente il governo: “Vogliono farci crepare?” e annuncia di prendere vie legali

Vissani
Screen YouTube

Che i ristoratori sia sul piede di guerra si sa. Sono ormai esasperati delle misure anti-covid prese dall’esecutivo che hanno colpito particolarmente il comparto della ristorazione. Tra i vari grattacapi del governo potrebbe esserci anche quello che si chiama Gianluca Vissani.

Il cuoco, infatti, ha minacciato di denunciare il governo che avrebbe negato un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione, il lavoro. “Vogliono farci crepare?” ha detto. Le sue parole sono state riportate canali social del leader della Lega Nord Matteo Salvini.

Come al solito sono state tante le reazioni nei commenti sulle varie pagine. Tanti si sono detti favorevoli alla parole del cuoco ipotizzando anche una denuncia di massa, molti altri lo hanno attaccato ferocemente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chi è Amy McDonald, cantante di This Is the Life

Gianluca Vissani, ancora attacchi al governo

Lo chef stellato è noto per i sui attacchi al governo che vanno avanti da mesi. Non si è tirato indietro neanche quando c’erano da fare critiche sugli aiuti che l’esecutivo ha destinato alla ristorazione ritenendoli bassi per poter pagare affitto, personale e le tasse “che nessuno pagherà” disse a giugno.

Già a settembre scorso, in un’intervista rilasciata a Libero, aveva annunciato che avrebbe denunciato il governo perché stava prendendo in giro tutta la categoria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luce e gas, stangata in bolletta: cosa cambia dal primo gennaio 2021

Chef Vissani, chi è

Gianluca Vissani ha 69 anni. Umbro, è noto per aver partecipato in passato, o per essere stato ospite, in programma come Uno Mattina, MasterChef 5 e La Prova del Cuoco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Pietro Ichino: “No al vaccino? Il dipendente può essere licenziato”

È noto anche per la sua natura polemica come quando esprime giudizi sui colleghi. Nel corso degli anni infatti non sono mancate frecciatine, battibecchi e giudizi poco lusinghieri nei confronti di altri noti chef come Carlo Cracco e Alessandro Borghese.