Vite al limite, morto Robert Buchel: aveva 41 anni e pesava oltre 400 kg

Robert Buchel pesava oltre 400 kg e si era rivolto al Dottor Nowzaradan per perdere peso e sposare così la sua amata Kathryn. Cosa è accaduto.

(Web)

Vite al limite, il programma che va in onda su Real Time, racconta da vicino il duro percorso delle persone che cercano di cambiare vita. I pazienti sono seguiti attentamente dal Dottor Nowzaradan nella sua clinica di Houston, in Texas. Una delle storie più commoventi di questa nuova stagione del docu reality è quella di Robert Buchel, un uomo di 41 anni e che pesa più di 400 kg. Pur di coronare il suo sogno d’amore con la compagna Kathryn, Robert ha deciso di curarsi e perdere così oltre 150 kg. Durante il percorso di dimagrimento, però, qualcosa è andato storto.

Leggi anche -> Il dramma di Antonio Zequila: la rivelazione a Pomeriggio Cinque

Vite al limite: la storia di Robert Buchel

Robert Buchel ha 41 anni e vive nel New Jersey. Pesa 410 kg, la sua vita è limitata ad un letto rinforzato e ogni azione, anche la più semplice come quella di mangiare, dipende dalle persone che lo circondano. Nel corso della sua vita le ha provate tutte pur di uscire dall’obesità, ma nessuna cura è stata davvero efficace.

Le sue ultime speranze le ripone dunque nel Dottor Nowzaradan e nei suoi programmi alimentari. Robert appare subito molto motivato ed è supportato pienamente dalla sua fidanzata Kathryn che vorrebbe sposare non appena sarà riuscito a perdere i chili necessari per muoversi. Un elemento, questo, che rende ancora più ferrea la volontà di Robert.

Robert ha ammesso che la sua dipendenza dal cibo è iniziata quando era bambino. Ha iniziato a ingerire smisuratamente cibo all’età di 6 anni, quando i suoi genitori hanno aperto una friggitoria, ma le cose si sono acuite quando a 9 anni Robert è stato molestato da un vicino. Dopo quell’episodio, il cibo è diventato il suo unico credo.

Dopo i controlli di rito da parte del Dr. Now, all’uomo viene consegnata la sua dieta personalizzata e l’obbligo di iniziare una terapia psicologica. Il percorso funziona: dopo 8 mesi di sacrifici, Robert ha perso 154 kg. I 228 chili che gli rimangono sono ancora tanti per intraprendere l’operazione ma Robert non si perde d’animo e vuole continuare.

Leggi anche -> Francesca Cipriani, il dramma: “Mi sequestrarono per violentarmi”

La morte di Robert

Il percorso di cambiamento di Robert è stato purtroppo interrotto da un infarto fatale. L’uomo è morto a 41 anni mentre era in ospedale e neanche il tempestivo intervento dei sanitari ha potuto salvarlo: l’obesità aveva stressato troppo il suo apparato circolatorio. Se ne è andato stringendo le mani della sua amata fidanzata che al programma ha detto in lacrime: “Ho perso il mio migliore amico e la persona con cui avrei dovuto passare il resto della mia vita”.

Quella di Robert è la seconda morte che si verifica all’interno del programma che va in onda su Real Time.