Il giudice Rosario Livatino sarà Beato: annunciata la data

0
606

Rosario Livatino sarà Beato ufficialmente il 9 maggio prossimo: pochi giorni fa arrestato di nuovo il mandante dell’omicidio

Rosario Livatino

Lo scorso 22 dicembre era stato annunciato che Papa Francesco aveva dato il via libera alla Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto che ne riconosce il martirio in odium fidei per il “giudice ragazzino” Rosario Livatino, ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990.

Un evento unico perché Livatino è il primo magistrato a diventare Beato nella storia della Chiesa Cattolica. Ora c’è anche la data dell’evento annunciata dall’arcivescovo card. Francesco Montenegro. La cerimonia si svolgerà nella Cattedrale di Agrigento il 9 maggio prossimo. Quel giorno sarà anche l’anniversario della visita di Papa Giovanni Paolo II.

Dopo il sacerdote Don Pino Puglisi è la seconda vittima della mafia a diventare Beato. La notizia fu accolta con gioia già un mese e mezzo fa dall’ex Procuratore di Palermo Giancarlo Caselli che volle ricordare il giovane magistrato con una frase a lui attribuita: “Non importa essere credenti, importa soprattutto essere credibili”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morta Dianne Durham: prima campionessa afroamericana di ginnastica

Livatino, familiari assassino con il Reddito di Cittadinanza: di nuovo in carcere il mandante

Il processo di beatificazione – aperto il 21 settembre 2011, anniversario della morte, e chiuso il 3 ottobre 2018, anniversario della nascita – è stato portato a compimento riconoscendo che la sua morte è avvenuta in odium fidei, locuzione latina che sta a indicare che la causa è stata in odio alla fede; l’omicida ha agito contro la fede, sentimento che ha mosso l’attività di Livatino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La nuova frontiera delle organizzazioni criminali: i vaccini

A novembre la Guardia di Finanza scoprì che tra i beneficiari illegittimi del Reddito di Cittadinanza c’erano anche i familiari dell’assassino di Livatino come altri condannati per mafia. Tre giorni fa grazie a una retata contro i clan a Palermo, Trapani e Agrigento, si sono aperte di nuovo le porte del carcere per Angelo Gallea, mandante dell’omicidio del giudice in semilibertà da sei anni.