Banche, migliaia di assunzioni entro il 2023: le lauree STEM sono il futuro

0
84

Le facoltà di economia rappresentano ancora la principale fonte delle banche da cui attingere per le future assunzioni, ma il numero dei dipendenti laureati in discipline STEM è destinato a crescere.

banche, migliaia di assunzioni per i laureati stem

La trasformazione digitale in atto nella società e i conseguenti nuovi modelli di business impongono ormai nuove professionalità in qualsiasi settore. Se fino a oggi le banche non richiedevano ai nuovi assunti particolari abilità legate alle nuove tecnologie, entro il prossimo triennio il quadro comincerà gradualmente a cambiare.

Come riportato dal Sole 24 Ore sulla base di un’indagine condotta su dieci tra i maggiori istituti di credito, le nuove assunzioni vedranno negli anni una significativa riduzione dei laureati in economia (50%) e un deciso incremento dei laureati in discipline STEM (fino al 30%). Parallelamente ai tagli del personale e ai piani dei prepensionamenti, il numero complessivo delle assunzioni previste entro il 2023 dovrebbe essere pari a 10mila.

In particolare, il quotidiano fa riferimento alle banche che secondo i piani del prossimo triennio assumeranno più dipendenti: Intesa San Paolo e Unicredit. Per la prima, il nuovo personale dovrebbe essere di 3500 unità, mentre per la seconda di 2600. Secondo le previsioni, i due istituti bancari dovrebbero raggiungere la media di un nuovo assunto ogni due uscite.

Ti potrebbe interessare anche -> Elon Musk abbraccia i Bitcoin, la Tesla investe 1,5 miliardi

Il nuovo approccio digitale delle banche: l’importanza delle lauree STEM

Il rapporto tra le banche e gli atenei universitari diventerà sempre più diretto. Come sottolineato dal Sole 24 Ore, verrà rafforzata la collaborazione rivolta alla co-progettazione e al finanziamento di master di specializzazione post laurea. Ad accompagnare la crescita della digitalizzazione degli istituti bancari saranno proprio i nuovi dipendenti provenienti dallo studio delle discipline STEM. L’acronimo corrisponde a Science, Technology, Engineering e Mathematics.

Ti potrebbe interessare anche -> Tutto pronto per la Lotteria degli scontrini: come funziona e quando parte

Il sistema istruttivo è stato sviluppato negli Stati Uniti nei primi anni del 2000 e indica un insieme di discipline di natura tecnologica e scientifica con implicazioni significative in campo economico e sociale. L’approccio prevede che gli elementi delle quattro materie debbano essere correlati tra loro, dando agli studenti la possibilità di sperimentare e sviluppare modelli poliedrici e creativi al passo con i tempi. Secondo recenti stime, il tasso di occupazione dei laureati STEM si avvicina al 90%.