L’ultima ruota del carro, cast e trama del film

0
140

L’ultima ruota del carro: il protagonista è Elio Germano e ripercorre come un romanzo la storia dell’Italia

L'ultima ruota del carro
Screen YouTube

L’ultima ruota del carro ripercorre un lungo e importante squarcio della vita politica e sociale dell’Italia, dai sogni di socialismo della sinistra all’ascesa di Berlusconi. Il regista è Giovanni Veronesi che realizzò il film nel 2013, l’anno dopo Manuale d’Amore.

Il protagonista è Elio Germano nei panni di Ernesto Fioretti, figlio di un tappezziere di Roma e attraverso le sue vicende personali c’è anche la macro storia del paese. Ernesto aveva cominciato con il mestiere del padre ma poi ne ha cambiati tanti fino a diventare camionista.

Attraverso il parabrezza del mezzo pesante vede l’Italia nei suoi cambiamenti percorrendo lo stivale da Nord a Sud, dal sequestro e l’omicidio Moro a Tangentopoli fino alla nascita di Forza Italia.

Sono tanti i noti attori italiani che hanno preso parte al film, da Virgilia Raffale (Mara) a Sergio Rubini (Fabrizio Del Monte), da Massimo Wertmuller (il padre di Ernesto) ad Alessandra Mastonardi (Angela).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Isola dei Famosi 2021, cambia l’inviato in Honduras: ecco chi sarà

L’ultima ruota del carro, Haber interpreta un personaggio realmente esistito

Tra le varie curiosità del film c’è quella del personaggio di Alessandro Haber. L’attore interpreta “il maestro” che è ispirato all’artista Mario Schifano, il pittore e regista morto nel 1998 che fu un grande esponente della Pop Art in Italia e in Europa.

Ruolo fondamentale nel film è quello di Giacinto interpretato da Ricky Mamphis, l’amico del protagonista che rappresenta bene quello che di brutto è del paese come il personaggio di Sergio Rubini, un disonesto con le mani in pasta nell’età degli scandali di Craxi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> GFVip, torna la pace tra Dayane Mello e Rosalinda Cannavò: ecco come

Un film dove certamente qualche sorriso viene strappato ma non mancano i momenti di riflessione, spesso amari. Una pellicola che per ambientazione (la musica dei Duran Duran e la carta da parati ai muri) può essere un tuffo nel passato nostalgico per chi oggi ha almeno quarant’anni.