Movimento 5 Stelle, Lezzi resta ma da dissidente: “Non me ne vado”

0
66

Movimento 5 Stelle, Lezzi a Mezz’ora in più esclude la sua uscita ma non vuole seguire la linea della maggioranza

Barbara Lezzi
Getty Images

Barbara Lezzi, ex ministro nel primo governo di Giuseppe Conte a guida 5 stelle, dal primo momento in cui stava per nascere il nuovo esecutivo di Mario Draghi si è detta contraria. Ha supportato la tesi del no alla fiducia e al momento del voto ha mantenuto la sua linea, pagando con l’espulsione.

È infatti stata posta fuori dal Movimento perché dissidente con la linea maggioritaria del voto sulla piattaforma Rousseau che ha dato invece l’ok alla nascita del nuovo governo.

Barbara Lezzi questo pomeriggio è stata ospite di Lucia Annunziata in Mezz’ora in più. La giornalista le ha chiesto quale sarà la sua mossa, cosa vorrà fare e come avrà intenzione di muoversi nel Movimento avendo una linea ben differente rispetto alla maggioranza. E così è nata una discussione interessante che però ha lasciato molti dubbi e chiarito poco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Insulti a Giorgia Meloni, ecco cosa rischia il professor Giovanni Gozzini

Movimento 5 Stelle, Annunziata a Lezzi: “Vuole restare per fare casino”

La conduttrice ha chiesto alla senatrice se vuole fare una corrente all’interno del Movimento. Alla risposta negativa di Lezzi perché vuole confrontarsi, Annunziata ha chiesto se l’intento è di fare un gruppo autonomo ma anche in questo caso c’è stato un no.

A questo punto della discussione la giornalista ha insistito sostenendo che “vuole rimanere dentro e fare casino...”. La senatrice non chiarisce e chi ha seguito la discussione probabilmente non ha capito qual è la mossa dei dissidenti che hanno nella Lezzi una rappresentante di chi è contro Draghi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Guido Crosetto, la vicenda del ricovero per “eccesso di fumo”

Io voglio restare nel Movimento, lo amo” sintetizza Barbara Lezzi che però non chiarisce come e se vuole fare opposizione all’interno di un gruppo che esprime la forza più grande di una maggioranza sostenitrice di un governo sgradito.