Enrico Vanzina e il difficile rapporto con la cognata: Ecco cosa è successo

0
496

Domenica 7 marzo il popolare sceneggiatore Enrico Vanzina sarà ospite della trasmissione “Quelli che il Calcio”, a lui l’onere di commentare il lunch match della 26° Giornata della Serie A di calcio Roma-Genoa

Enrico Vanzina

Domenica 7 marzo il popolare sceneggiatore, produttore e di recente anche regista  Enrico Vanzina sarà ospite della trasmissione “Quelli che il Calcio”. L’autore di vere e proprie pietre miliari del cinema comico italiano come “Febbre da Cavallo”, “Eccezzziunale… veramente” e “Sapore di Mare” avrà l’onere e da tifoso l’onere di commentare il lunch match della 26° Giornata della Serie A di calcio Roma-Genoa.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Lockdown all’italiana, polemiche per il nuovo film di Vanzina

Lo sceneggiatore, classe 1949, si immergerà nel commento di uno dei match più delicati della giornata e al tempo stesso farà sfoggio di tutta la sua passione per la Roma, squadra delle quale è tifoso sin da bambino. Passione che convidive anche con il compianto fratello, il regista Carlo Vanzina scomparso nel 2018.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Quelli che il Calcio, chi è Francesca Brienza: il rapporto con Rudi Garcia

E proprio al rapporton con il fratello sarà dedicata, inevitabilmente, una parte del suo intervento in trasmissione. In particolare l’ospitata di Enrico Vanzina a “Quelli che il Calcio” potrebbe essere l’occasione giusta per chiarire in maniera definitiva un grave dissapore che lo ha visto opposto alla signora Lisa Melidoni, la cognata.

In occasione della morte di Carlo Vanzina, infatti, per elaborare in pieno il lutto Enrico ha dato alle stampe un instant book dal titolo “Mio Fratello Carlo”. La signora Melidoni è stata molto critica con il cognato. “Carlo era una persona talmente riservatadicharò la signora Vanzina al Fatto Quotidiano – che mai avrebbe voluto che la sua intimitànel dolore finisse alla mercé di tutti”. Durissimo l’affondo verso Enrico Vanzina: “Si commenta da solo” aggiungendo che negli anni il rapporto tra la sua famiglia e quello di Enrico è stato di fatto inesistente: “Mai fatto un compleanno di Carlo o delle mie figlie con lui, mai un Natale o un pranzo o una cena”. Un duro atto di accusa.