Enzo Gragnaniello e Loredana Berté nel nome della sorella Mia Martini

L’amicizia tra Mia Martini ed Enzo Gragnaniello è nata con una pasta e fagioli ai Quartieri Spagnoli. Enzo sarà ospite dello speciale Rai1 sulla Bertè, ha dichiarato più volte di come a partire da una pasta e fagioli con frutti di mare, sia nata la fiducia e la collaborazione artistica con Mia Martini.

Mia Martini e la relazione con Enzo Gragnaniello, la verità nello speciale su Rai1 (Screenshot)
Mia Martini e la relazione con Enzo Gragnaniello, la verità nello speciale su Rai1 (Screenshot)

Quando nel 1985, la cantante andò a casa di Enzo, l’uomo le preparò una pasta e fagioli con frutti di mare, da lì Mia cominciò a ridere. I napoletani, da sempre hanno avuto l’abilità di sdrammatizzare tutte le situazione, la cantante si innamorò proprio di questo lato.

Le mal dicerie sul conto di Mia Martini erano ormai all’ordine del giorno, perciò nella seconda fase della sua vita, la cantante si rifugiò nell’ironia e nella frivolezza di Enzo Gragnaniello.

>>>>>>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Loredana Berté, il dramma dello stupro: “Bisogna denunciare”

L’uomo ha sempre dichiarato di non aver mai saputo delle maldicenze che correvano sul conto di Mia, infatti più di una volta ha affermato di averla difesa a spada tratta se fosse stato necessario.

Il primo incontro con Mia Martini ci fù anni prima della celebre canzone “Cu ‘mme”. Quando Enzo sentì ‘Mimì’ cantare quella canzone, l’uomo rimase senza parole, subito dopo tornò a casa per scrivere il celebre pezzo “Donna”.

Quello fu un momento davvero importante per entrambi, la canzone permise a Mia Martini di avere un contratto con la Fonit Cetra, la quale poi successivamente la candidò per il Festival di Sanremo.

>>>>>>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Erminio Sinni, finalista a The Voice Senior: la verità su Mia Martini

Il sodalizio artistico tra Mia Martini ed Enzo Gragnaniello nello speciale sulla Bertè

Durante il 1985, la sorella di Loredana Bertè, Mimì arrivò a Napoli e conobbe Enzo Gragnaniello, era un ex scugnizzo dei Quartieri Spagnoli, la donna aveva la voce graffiata e scriveva testi sofferti.

Ma Enzo spera in un secondo tempo o una seconda ripresa del film dedicato alla celebre cantante, la rinascita avuta con l’uomo a Napoli è stata una delle parti più belle della vita di Mia Martini.

Il film purtroppo si è ridotto a descrivere la parte grigia e cupa della cantante, facendo in modo tale che solo una parte delle verità nascoste siano uscite a galla. Enzo ricorda ancora quegli anni come i migliori di Mia Martini, sia sotto il punto di vista artistico che sotto il punto di vista personale.

I due artisti si sentivano vicini anche a livello spirituale, infatti il feeling tra di loro era molto sentito da entrambe le parti, purtroppo questo lato della vita di Mia non è stato raccontato.

Alcuni cercavano di dire in maniera indiretta ad Enzo Gragnaniello che Mia non era all’altezza degli altri cantanti, ma l’uomo ribatteva sempre mettendo in risalto la sua grandezza e la sua forza d’animo. Quelle malelingue vennero definite delle mezze calzette, nate per sminuire il talento di un’artista fuori dal comune e dal talento innato.

Vi ricordiamo che tutti gli approfondimenti e le curiosità sulla relazione verranno trattati nello speciale su Rai1 “Non sono una signora” dedicato a Loredana Bertè in onda alle ore 21.25, dove troveremo Enzo Gragnaniello come ospite speciale.