Bob Dylan, morta Sally Grossman: posò per uno storico disco

0
830

Lutto per il cantautore Bob Dylan, morta Sally Grossman: posò per uno storico disco del folk singer, Bringing It All Back Home.

Sarah Grossman con Bob Dylan

Sally Grossman, la vedova di Albert Grossman, artista manager di star della musica come Bob Dylan, Janis Joplin e The Band, è morta. La donna era rimasta vedova dopo la morte di suo marito, morto per un attacco di cuore mentre volava sul Concorde 35 anni prima nel 1986. Sally Grossman è morta il 12 marzo 2021 all’età di 81 anni; la causa della morte non è nota.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo –> Corrado Francia morto: lutto nella musica italiana

Sally Grossman ha posato con Dylan sulla copertina del suo album del 1965, Bringing It All Back Home. La foto iconica, scattata a casa dei Grossman, mostra l’allora venticinquenne in uno splendido vestito rosso, mentre è seduta, fumando una sigaretta con le gambe incrociate. Dylan, in primo piano, con il gatto dei Grossman in grembo, aveva solo 23 anni.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo –> La Regola del silenzio, chi erano i Weathermen

La storia di Sally Grossman e della copertina di un disco di Bob Dylan

Nonostante la giovane età, era già il suo quinto album. L’immagine è circondata da un effetto alone dorato. I Grossman erano residenti a Bearsville, quartiere della città di Woodstock, a due ore di macchina da New York City. La foto di copertina dell’album è stata scattata da Daniel Kramer. Secondo lo scrittore Bob Egan, l’immagine era “un cambiamento radicale per Dylan inteso a significare la sua rottura con il movimento popolare del Greenwich Village. Dylan non veniva più fotografato nei panni trasandati dei cantanti popolari, ma qui era un vero e proprio signorotto di campagna hipster, con un dipinto a olio sul mantello, un gatto persiano in grembo e una donna fresca e sofisticata che si rilassava sullo sfondo”.

La foto spesso imitata mostra numerosi oggetti di scena tra cui varie foto, libri, un cartello giallo di rifugio antiatomico e il primo numero del gennaio 1965 della rivista Time con il presidente Lyndon Johnson come uomo dell’anno. Bringing It All Back Home, pubblicato il 22 marzo 1965, è il primo disco suonato con una band e comprende tra gli altri “Subterranean Homesick Blues”, “Maggie’s Farm” e “Outlaw Blues”, mentre nel lato B c’è “Mr. Tambourine Man”, suonata voce e chitarra. Si tratta di uno degli album più noti e amati del cantautore.