AstraZeneca, nuovi dati a Usa: “Efficace al 76%”

AstraZeneca ha consegnato nuovi dati agli Usa, al Data Safety Monitoring Board americano: “Efficacia del 76% nella prevenzione della malattia sintomatica e del 100% della malattia grave”. In una nota AstraZeneca ha comunicato i nuovi dati inviati al Data Safety Monitoring Board americano.

BRIDPORT, ENGLAND – MARCH 20: Vaccinators administer the Oxford AstraZeneca COVID-19 Vaccine at the medical centre on March 20, 2021 in Bridport, England. Bridport Medical Centre aims to administer a record 2,500 vaccinations in one day with vaccinators coming from medical centres including Lyme, Charmouth and Beaminster. (Photo by Finnbarr Webster/Getty Images)

Pochi giorni fa il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) aveva detto che AstraZeneca avrebbe “incluso informazioni obsolete”, dandone “una visione incompleta dei dati di efficacia”. Dalla nuova comunicazione dell’azienda anglo-svedese il vaccino presenta un’efficacia del 76% nella prevenzione della “malattia sintomatica” e del “100% della malattia grave o critica”. Secondo i dati aggiornati da Astrazeneca, il farmaco ha un’efficacia dell’85% contro la malattia sintomatica in età pari o superiore ai 65 anni.

L’analisi primaria è coerente con la nostra analisi provvisoria rilasciata in precedenza e conferma che il nostro vaccino Covid-19 è altamente efficace negli adulti, compresi quelli di età pari o superiore a 65 anni”, ha affermato il vicepresidente esecutivo di BioPharmaceuticals R&D, Mene Pangalos, dichiarando: “Non vediamo l’ora di presentare la nostra richiesta di autorizzazione all’uso di emergenza negli Stati Uniti e di prepararci per il lancio di milioni di dosi in tutta l’America”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Caso Astrazeneca, 29 milioni di dosi ritrovate ad Agnani

Per quanto riguarda l’analisi primaria di efficacia i test hanno incluso “190 casi sintomatici di Covid-19, sui 32.449 partecipanti allo studio, controllato verso placebo”, come riporta AdnKronos, 49 in più rispetto a quelli esaminati nell’analisi ad interim”, cioè 141. Si apprende che il vaccino è stato “ben tollerato e non sono stati identificati problemi di sicurezza relativi alla somministrazione” – “Ci sono stati 8 casi di grave Covid-19 osservati nell’analisi primaria, tutti nel gruppo placebo”. Sui 140 casi “ci sono 14 casi aggiuntivi possibili o probabili da valutare, quindi il numero totale di casi e la stima puntuale possono variare leggermente”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Long-Covid, l’esperienza di Morena Colombi: “Siamo dei fantasmi”

AstraZeneca prova ad accedere all’autorizzazione all’uso d’emergenza (Eua) del vaccino da parte dell’agenzia regolatoria Usa Food and Drug Administration (Fda). I dati inviati al Data Safety Monitoring Board (Dsmb) statunitense saranno presto pubblicati su una una rivista peer-reviewed.