Roma, trovata morta una 21enne in un appartamento: era la figlia di Carlo Urbani

0
273

Figlia Carlo Urbani morta, la 21enne è stata ritrovata senza vita in un appartamento di un cittadino siriano a Roma in zona Cassia. 

figlia carlo urbani morta
Getty Images. Morta Maddalena Urbani di 21 anni, figlia del medico Carlo Urbani

A Roma, in un appartamento in zona Cassia, è stata ritrovata senza vita Maddalena Urbani, figlia di Carlo Urbani lo scienziato di origine marchigiana che identificò per primo la polmonite atipica scatenata dalla Sars nel 2003. Grazie ai suoi studi non si diffuse una pandemia mondiale.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la 21enne si trovava in un appartamento di un cittadino siriano agli arresti domiciliari per reati attinenti al possesso ed uso di sostante stupefacenti. Da un primo accertamento pare che la ragazza sia deceduta in seguito ad un’ overdose di sostanze non identificate. Sono, attualmente, in corso le indagini della polizia. Gli investigatori hanno interrogato il cittadino siriano per ricostruire con esattezza la terribile vicenda.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Irene Bellifemine, la sindaca-infermiera che vaccina gli anziani a domicilio

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Scuola: dal 6 aprile si torna in presenza, anche in zona rossa

Figlia Carlo Urbani morta, attesi nei prossimi giorni i risultati dell’autopsia

Nei prossimi giorni verrà effettuata l’autopsia per chiarire le cause ufficiali del decesso. La ragazza risiedeva a Perugia e non sono note le motivazioni per la quale si trovava nell’appartamento della capitale.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Terremoto nel mar Adriatico: scossa avvertita da Roma a Napoli

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Rapina tra Marano e Villaricca, l’esito è drammatico: due morti

Maddalena Urbani era la figlia di Carlo Urbani, il medico morto nel 2003 a Bangkok. Il nome di Carlo Urbani è salito alla ribalta perché fu il primo a brevettare un metodo anti-pandemia della Sars riconosciuto internazionalmente anche dall’OMS.