Ibrahimovic, nuova bufera: “Socio di una società di scommesse”

0
125

Secondo un quotidiano svedese Ibrahimovic ha quote nel mondo delle scommesse, violando le regole. Ecco cosa rischia

Zlatan Ibrahimociv
Zlatan Ibrahimociv (Getty Images)

Per la seconda volta in pochi giorni Zlatan Ibrahimovic finisce nella bufera delle polemiche. Dopo il ristorante che sarebbe stato aperto per lui in piana zona rossa a Milano, dalla Svezia arriva la notizia che vuole il campione, tramite una sua società per azioni, possedere percentuali di un’agenzia di scommesse.

Secondo quanto scrive Aftonbladet, attraverso la sua società Unknown AB, sarebbe in possesso del 10% della Bethard.com. Se così fosse si tratterebbe di violazione del codice etico Fifa-Uefa perché avrebbe degli interessi economici in competizioni dove il calciatore partecipa.

Essendo un tesserato e avendo preso parte a gare con la Svezia e il Milan in Europa League, l’asso dei rossoneri ora rischia grosso. Una multa salata o una squalifica che vista l’età decreterebbe la fine dell’attività agonistica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Borussia-City, dove vederla. Guardiola vuole spezzare l’incantesimo

Ibrahimovic, ci sarebbe la conferma dell’amministratore delegato: cosa rischia

Il giornale svedese sostiene che la co-proprietà di Ibrahimovic è stata confermata da Erik Skarp, amministratore delegato della Bethard. Nel classico gioco delle scatole cinesi della finanza, la sua società possiederebbe quote della Gameday Group PLC, socio unico della Bethard.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stadio Olimpico aperto in Euro2020, Dal Pino: “Facciamo lo stesso anche in Serie A”

Ma cosa rischia ora Ibra? Una multa fino a 100mila e ciò potrebbe essere il male minore visti i guadagni stratosferici passati e presenti dell’attaccante. Più pesante potrebbe essere la squalifica per tutte le competizioni fino a tre anni. Un periodo insomma decisamente negativo con la prossima di campionato dove non scenderà in campo per l’espulsione rimediata a Parma, la polemica del ristorane e il suo Milan che ha dovuto dire addio ai sogni tricolori.