Morte Milva: l’omaggio della Rai, cambia il palinsesto

0
317

La morte Milva modifica i programmi dalla Rai: tanti ricordi sulla rete pubblica tra oggi e domani, in radio e tv

Milva Rai
(Getty Images)

Omaggi e approfondimenti, sulle reti televisive ai canali radio. Cambia il palinsesto della Rai per Milva, morta questa mattina all’età di 81 anni nella sua casa al centro di Milano. Tra canzoni e palcoscenici teatrali ha avuto una lunghissima carriera, interrotta nel 2010 per sua volontà a causa di problemi di salute.

Sulla prima rete ci saranno ricordi su Uno Mattina in famiglia, ItaliaSì e successivamente con Sottovoce. Domani sarà Che tempo che fa di Fabio Fazio a lasciare spazio alla rossa della canzone italiana. La trasmissione si aprirà con un suo ricordo e poi darà seguito a Cominciamo bene del 2009 quando Pino Strabioli la intervistò al Teatro Piccolo di Milano.

Domani ricorre la festa nazionale della Liberazione e quale miglio occasione per trasmetterà la sua performance di Bella Ciao, versione 1968 in Senza Rete Enzo di Trapani e Giorgio Calabrese, domattina alle 9.25 su Rai Storia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Monsieur David, chi è l’artista dei piedi eccentrici: carriera e curiosità

Milva, su Rai Play le partecipazioni a Sanremo

Rai Storia renderà omaggio anche di sera. Alle 23.50 andrà in onda la puntata di Ieri e Oggi con Arnaldo Foà, in replica anche lunedì a mezzogiorno. Non resta fuori dal particolare palinsesto Rai5, la rete del teatro. Stasera elle 20.05 andrà in onda I 7 peccati capitali dei piccolo borghesi Berthold Brecht su musiche di Kurt Weill. Stessa programmazione domani alle 12.25.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gianluca Gazzoli, chi è il conduttore radiofonico: carriera e curiosità

La voce d Milva invade oggi le frequenze di Radio Rai e un ricordo sarà offerto anche da In prima fila, il magazine di Radio 1. Al paradise e una puntata della prima stagione di Senza rete sono invece online su RaiPlay così come cinque dei quindici Festival di Sanremo ai quali partecipò l’artista romagnola. Si tratta delle edizioni del 1967, 1968, 1969, 1970, 1973.