ManchesterUtd-Roma 6-2, disillusione giallorossa: Tabellino e Highlights

0
129

Piegata dagli infortuni ma in vantaggio nei primi 45′, la squadra di Fonseca crolla fisicamente nella ripresa. Doppiette di Cavani e Fernandes

ManchesterUtd-Roma: Tabellino e Highlights

ManchesterUtd-Roma 6-2, Cronaca, Tabellino ed Highlights

ManchesterUtd-Roma: Tabellino e Highlights – La Roma di Paulo Fonseca fa visita al Manchester United di Ole Gunnar Solskjaer all’Old Trafford per disputare la semifinale d’Europa League contro un’avversaria blasonata come i diavoli rossi. Si tratta del primo dei due atti che decideranno la prima finalista dell’Europa League. Dall’altra parte del tabellone il Villareal e un’altra inglese, l’Arsenal. La gara di ritorno si disputerà allo Stadio Olimpico fra una settimana esatta, ma i giallorossi vogliono fare una bella figura già nei primi novanta minuti, in uno stadio praticamente stregato, che non li ha mai visti vincere e che per molti viene ricordato per il clamoroso 7-1 di 14 anni fa, quando nello United giocavano ancora campioni come Cristiano Ronaldo e Ryan Giggs. Dopo aver eliminato l’Ajax, la squadra di Paulo Fonseca crede così in un’altra impresa, conto quella che di fatto è la favorita per la vittoria del trofeo. L’inizio della gara è purtroppo tutt’altro che fortunato per i giallorossi, perché dopo soli 5 minuti Veretout si deve arrendere per un guaio fisico. Probabilmente perché ancora a freddo, il centrocampista francese è costretto a uscire per infortunio, lasciando spazio a Villar. Passano altri quattro minuti e con una bella azione i padroni di casa trovano il gol con Bruno Fernandes, servito molto bene e di prima da Cavani. Il portoghese supera Pau Lopez con un pallonetto in corsa e porta in vantaggio la sua squadra. La partita si sviluppa per alti e bassi, con uno United che prova a far gioco in avanti, ma con la Roma sempre pronta a ripartire, anche se a volte in difesa va troppo in sofferenza. Con un tocco di mano in scivolata, Pogba, dopo il check dl Var, non può fare nulla per impedire che l’arbitro Del Cerro Grande fischi il calcio di rigore a favore della formazione ospite. Pellegrini dal dischetto degli undici metri è abbastanza freddo per battere De Gea, nonostante il portiere dello United avesse intuito la traiettoria. Un’ottima notizia il gol fuori casa che in caso in parità avrà valore doppio, ma dopo un quarto d’ora, per parare un tiro di Pogba da fuori area, è Pau Lopez a farsi male alla spalla per essere caduto male con il braccio. Probabilmente una lussazione, un infortunio che non permette all’estremo difensore giallorosso di rimanere in campo. Dentro Mirante al 28′ per il suo esordio in Europa League in questa stagione. Nell’arco di cinque minuti la Roma saprò però portarsi nuovamente in avanti con efficacia, sorprendendo la difesa di Solskjaer grazie a un passaggio visionario dell’ex della gara Mkhitaryan, che fino a quel momento era rimasto in ombra. Filtrante per Pellegrini e trequartista azzurro che serve bene nell’area piccola Dzeko che, da attaccante puro quale è, si fa trovare pronto all’appuntamento con il gol sulla linea di porta, anche se nel rimpallo è un po’ fortunoso. Roma avanti nonostante la sfortuna quindi, perché poco dopo anche Spinazzola dovrà fermarsi per un guaio muscolare, costando a Fonseca il terzo cambio e il terzo slot  della partita, non potendo più effettuare altre sostituzioni fino alla fine del match. Mai successo dal 2009, da quando esiste l’Europa League, ma sarà importante ora gestire il resto della gara con gli uomini in campo. Per il tecnico portoghese dei giallorossi è provvidenziale il doppio fischio dell’arbitro per l’intervallo, dal momento che occorre riorganizzare tatticamente la squadra per poter massimizzare il vantaggio di 1-2. La Roma è avanti nel punteggio, se la sta giocando bene, ma la sorte avversa, con tre infortuni importanti, potrebbe condizionare questo e anche il match di ritorno fra una settimana. Per questo sarà cruciale conservare il vantaggio esterno, con la prospettiva di un secondo tempo molto tosto contro i Red Devils.

La ripresa

Le squadre rientrano negli spogliatoi dopo l’intervallo senza che vi siano altri cambi, ma per la Roma la ripresa si complica subito con il gol di Cavani dopo soli tre minuti. Ottima triangolazione con Bruno Fernandes e attaccante uruguaiano che riesce a piazzare sotto l’incrocio dei pali un pallone che si rivela imprendibile per Mirante. Lo United riesce così a pareggiare e partita che si assesta al 50 sul 2-2. Poco dopo le prima ammonizioni della gara ai danni di Villar, per un intervento scorretto, con l’arbitro forse troppo severo in questa circostanza, e per Pogba, che tenta di anticipare Mirante toccando il pallone con la mano prima che potesse farlo l’estremo difensore della Roma. Nei minuti successivi ci saranno occasioni da entrambe le parti, con i reparti offensivi che riusciranno a mettere in discreta difficoltà le difese, ma sia lo United, sia la Roma saranno in grado di contenere gli attaccanti avversari. Dzeko per i giallorossi riesce a far benissimo il suo gioco di sponda, utilissimo per tutti i suoi compagni. I padroni di casa provano ad adnar via veloci con la qualità di Pogba e Fernandes, stasera decisamente più brillanti di Rashford. Utile nella manovra anche Cavani, che con la rete di questa sera va in gol per la seconda volta in Europa League in tre presenze stagionali con la maglia dello United. Al 64′ le statistiche stesse della punta uruguaiana vanno però aggiornate, perché di fronte a un tiro non imprendibile di Wan-Bissaka Mirante non riesce a trattenere il pallone e sulla corta respinta è ancora una volta il Matador a intervenire e a segnare il 3-2 per i padroni di casa. Come calano la prestazione e la tenuta fisica della Roma, ormai rimontata, crescono la determinazione e la fiducia dei giocatori di Solskjaer, con il numero di occasioni da gol per i Red Devils che si fanno sempre più frequenti. Al 69′ è Shaw a trovare con un cambio di gioco preziosissimo Wan-Bissaka dalla parte opposta. L’esterno prova a servire un assist a Cavani, ma il centravanti viene poi atterrato nell’azione da Smalling. Rigore fischiato dal direttore di gara Del Cerro Grande confermato dal Var. Bruno Fernandes non sbaglia e firma dal dischetto degli undici metri il 4-2. In un blackout totale per gli uomini di Fonseca, il Manchester riesce a mettere a segno anche la quinta rete, con Pogba che devia in porta di testa, quasi indisturbato, il pallone crossato molto bene dal trequartista portoghese. Ora il passivo per gli ospiti è davvero pesante, per quanto anche segnare un solo altro gol potrebbe essere decisivo e fare la differenza nella sfida di ritorno allo Stadio Olimpico. Un tiro di Mkhitaryan all’80’ è di fatto il primo squillo dei giallorossi nel secondo tempo, ma il pallone termina largo sul fondo. Sul 5-2 all’86’ arriva però anche il gol del giovane Greenwood, su assist del solito Cavani. Una partita che si era messa male sta finendo addirittura peggio per i giallorossi, nonostante all’intervallo la partita stesse di fatto sorridendo alla squadra italiana. La ripresa è stata così di fatto a senso unico, con i Red Devils che di certo non sono disposti a fermarsi, ora che la partita è sui binari giusti per poter passare il turno e tornare in finale d’Europa League. Nono solo la differenza di valori però, tantissimo sta facendo anche la condizione fisica e la fatica subentrata alla Roma anche solo per provare a tenere il campo. Un risultato pesante per i giallorossi, chiamati fra una settimana a quella che sarebbe di fatto una rimonta dalla portata storica. Necessario il 4-0 nella gara di ritorno, ma in rosa le risorse fisiche della squadra sembrano in evidente difficoltà, piegate ancora una volta dagli infortuni. Secondo tempo senza partita e Roma che dovrà provare così a riprendersi quanto prima, soprattutto psicologicamente dopo una sconfitta così cocente.

 

Potrebbe interessarti anche -> Psg-City 1-2: errori parigini e fortuna inglese

Segui l’Europa League su Twitter

ManchesterUtd-Roma: Tabellino e Highlights

Reti: Fernandes 9′, Pellegrini 15′, Dzeko 33′, Cavani 48′, Cavani 64′, Fernandes 71′, Pogba 75, Greenwood 86′

Manchester United (4-2-3-1): De Gea, Shaw, Maguire, Lindlof, Wan-Bissaka, Fred (Matic 83′), McTominay, Pogba, Fernandes (Mata 90′), Rashford (Greenwood 76′), Cavani.
Allenatore: Ole Gunnar Solskjaer

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez (Mirante 28′), Ibanez, Cristante, Smalling, Spinazzola (Bruno Peres 37′), Veretout (Villar 5′), Diawara, Karsdorp, Mkhitaryan, Pellegrini, Dzeko.
Allenatore: Paulo Fonseca

Arbitro: Carlos Del Cerro Grande

Ammoniti: Villar, Pogba, Smalling

Espulsi: –

Highlights QUI