Israele, fuga di massa da evento religioso: 44 morti

0
69

E’ strage di fedeli in Israele, sul monte Meron, per il crollo di un’affollata tribuna: 44 morti e 65 feriti. Il Premier Benjamin Netanyahu: “Un terribile disastro”

(Screenshot video)

Pesantissimo il bilancio del crollo di una gremita tribuna durante un raduno religioso di massa in Israele, sul monte Meron, in Galilea. Secondo le prime frammentarie ricostruzioni, si stava stava celebrando la festività ebraica di Lag ba-Omer, presso la tomba del rabbino Shimon bar Yochai, quando alcune persone sarebbero scivolate dalle gradinate trascinando altri partecipanti: ne è seguita una fuga di massa in cui molti sono rimasti schiacciati.

LEGGI ANCHE –> Giovane donna uccisa a Pompei, è stata violentata

Decine di ambulanze hanno subito cercato di raggiungere i feriti, facendosi strada in una folla di ebrei ortodossi stimata in quasi 100 mila persone, così come si sono levati in volo diversi elicotteri militari. In base alle informazioni divulgate dalla radio militare, i feriti che versano in gravi condizioni sono diverse decine, motivo per il quale dall’ospedale di Safed, sempre in Galilea, è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Israele, fuga di massa da evento religioso: 44 morti. Netanyahu: “Un terribile disastro”

Un terribile disastro“, cosi ha il Premier israeliano Benjamin Netanyahu ha definito la strage durante la festività che rievoca la ribellione ebraica del 132 d.C. contro le legioni romane: ieri oltre 100 mila ebrei ortodossi si sono recati sul Monte per pregare sulla tomba del rabbino Shimon bar Yochai, autore, secondo la tradizione, del testo mistico dello “Zohar”, “Lo splendore”.

LEGGI ANCHE –> Omicidio di Giuseppe Parretta, la mamma Katia Villirillo: «È vivo nel mio cuore»

Un evento, quindi, che richiama ogni anno fino a mezzo milione di fedeli e che l’anno scorso, a causa dell’epidemia di Covid, non si è tenuto. Quest’anno, invece, grazie al fatto che Israele è tra i primi Paesi al mondo per numero di inoculazioni contro il Covid in rapporto alla popolazione, è stato consentito anche se con limitazioni che, però, nulla hanno potuto contro la pressione esercitata da una folla oceanica. Non è la prima volta che si verifica una strage di fedeli sul monte Meron: come ricorda il portale ilsole24ore.com, nel 1911 decine di persone morirono nel crollo di un edificio vicino alla tomba del rabbino.