Fortunato Cerlino, chi è l’attore di Gomorra: ha rischiato una brutta strada

0
226

Fortunato Cerlino, è conosciuto da molti come il don Pietro Savastano, protagonista di Gomorra, dai suoi esordi l’attore ha avuto una carriera in crescendo.

Fortunato Cerlino, chi è il celebre protagonista della serie tv Gomorra (Getty Images)
Fortunato Cerlino, chi è il celebre protagonista della serie tv Gomorra (Getty Images)

Nasce a Napoli il 17 Giugno del 1971, diventa uno degli attori più amati dal pubblico proprio per il ruolo che ricopre nella serie tv Gomorra, il suo personaggio don Pietro Savastano, lo ha reso celebre agli occhi del pubblico italiano.

Nasce e cresce nella periferia di Napoli, esattamente nel quartiere Pianura, viveva in campagna, suo nonno era un proprietario terriero, da ragazzino l’attore andava a “zappare” la terra dopo esser tornato da scuola.

Frequenterà l’istituto Tecnico di Napoli per poi studiare Lettere e Filosofia all’Università Federico II. Non porterà a termine gli studi, a causa dei suoi spostamenti, la sua vita d’attore lo ha portato a girare per l’Italia e tutta l’Europa, per un breve periodo vive a Londra, per poi stabilirsi a Roma.

Nel 1991 si diploma all’Accademia di Arte Drammatica in Calabria, da qui comincerà a dedicarsi alla carriera teatrale, farà le sue prime comparse in tv nella miniserie “Il furto del tesoro” e “la mia casa è piena di specchi”.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Gomorra – New Edition: le differenze con la vecchia versione

Fortunato Cerlino, il boss camorrista Pietro Savastano della serie tv Gomorra

Nel 2014 avrà il suo esordio nel piccolo schermo, con il ruolo del boss camorrista Savastano, nella serie tv Gomorra. Da questo momento in poi verrà travolto dal successo, parteciperà a film come Inferno di Ron Howard, e Una Famiglia, di Sebastiano Riso.

Collaborerà anche con serie tv americane come Hannibal, Britannia, I Medici, Romolo e Giuly e “La guerra mondiale italiana”. Nel 2018 tornerà sul piccolo schermo italiano con la fiction “Nero a metà” di Claudio Amendola, in onda su Rai1, dove interpreterà il ruolo di Mario Muzo.

Attualmente l’attore è sposato con Antonella Sava, i due si conoscono nel 2015 mentre stava guardano una partita di calcio, subito dopo ci sarà il loro primo appuntamento per poi fidanzarsi.

I due si sono scambiati il primo bacio in riva al mare, a Fregene, proprio mentre stavano aspettando di veder passare Samantha Cristoforetti.

Nell’Agosto del 2017 avranno la loro primogenita Delfina, nata a Roma, dopo la sua nascita la coppia decide di sposarsi, evitando i paparazzi. I due di sono sposati in una cerimonia intima, con pochissimi amici e il loro cane Michelangelo.

La donna aveva un abito azzurro con fiori, mentre aveva in braccio la sua Delfina, la moglie dell’attore è una photo editor, purtroppo non si hanno molte notizie sulla vita privata della coppia.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Gomorra: Totò Abbruzzese, l’attore arrestato per spaccio

Da ragazzino, l’attore ha rischiato di imboccare una brutta strada

L’attore italiano ha visto un suo amico morire proprio per la mano della mafia locale, subito dopo ha ricevuto un’offerta che forse se fosse stato più debole, avrebbe accettato.

Un giorno qualcuno gli ha detto di seguirlo, mettendogli in mano una pistola, voleva che sparasse ad un cartellone di una fermata dell’autobus che non era stato autorizzato dal clan, quella non fu l’unica volta in cui il ragazzo tornò a piedi a casa.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Salvatore Esposito, lutto per Genny Savastano di Gomorra: “Maledetto Covid”

Proprio quando aveva 10 anni, ha visto il suo primo cadavere dal vivo, era quello di un ladro, il quale proprio mentre stava cercando di arrampicarsi sulla finestra di un palazzo, è scivolato per poi schiantarsi al suolo.

Dopo aver interpretato più volte personaggi legati alla camorra, e soprattutto dopo la celebre serie tv Gomorra, l’attore ha deciso di darci un taglio. Ci sono stati dei registi che lo hanno richiesto a tutti i costi in diversi progetti, ma purtroppo i produttori lo vedevano solo come “un camorrista”, proprio come se tutto il suo lavoro precedente e soprattutto teatrale non valesse a nulla.