The Mule, il film con Clint Eastwood in onda su Canale 5

0
159

The Mule, andrà in onda questa sera su Canale 5, Clint Eastwood interpreterà un novantenne cocciuto mercenario dei narcos messicani.

The Mule, il film con Clint Eastwood regista e attore in onda su Canale 5 (Screenshot)
The Mule, il film con Clint Eastwood regista e attore in onda su Canale 5 (Screenshot)

Earl Stone è un uomo reduce dalla guerra in Corea, è sulla soglia dei 90 anni, continua il suo lavoro nell’orticoltura. L’uomo è separato da sua moglie e molto distante da sua figlia.

Ha un rapporto accettabile con sua nipote, purtroppo si sta avvicinando vertiginosamente alla bancarotta, coglie al volo l’occasione di un ingaggio da parte di alcuni messicani.

Gli offriranno una somma di denaro che gli permetterà di pagare il matrimonio della nipote e rimettersi in sesto dalla bancarotta. Nel momento in cui il centro per i veterani è in difficoltà finanziarie, Earl continuerà a lavorare per il cartello proprio come un “mulo”.

Da tempo ha capito di essere partecipe inconscio di attività criminali, cercherà in qualche modo di compensare con le sue buone azioni, cercando di farsi perdonare dalla sua ex moglie e soprattutto da sua figlia.

L’attore Clint Eastwood ha dichiarato che nel momento in cui gli hanno proposto di interpretare questo personaggio, si è detto sin dall’inizio che sarebbe stato divertente interpretare un personaggio più vecchi di sé stesso. La criminalità ancora è una salvezza economica, soprattutto per Earl Stone.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Scott Eastwood, chi è il figlio della star Clint: carriera e successi

The Mule, la storia di un uomo sulla soglia dei 90 anni, al soldo dei narcos messicani

Moralmente il lavoro di Earl Stone è un collasso psicologico, infatti da una parte la sua vita migliora, ma dall’altra continuerà a sprofondare drasticamente.

Dovrà pagare le conseguenze e affrontare tutte le cose sbagliate che farà durante la collaborazione con i cartelli messicani. Il film è scritto e diretto dallo sceneggiatore di “Gran Torino”, Nick Schenk, la pellicola è tratta da una storia vera.

La storia è stata raccontata nell’articolo di “Il novantenne mulo della droga nel Cartello Sinaloa”, di Sam Dolnick scritto per il New York Times. La storia venne fuori in seguito all’intervista di Dolnick ad un agente DEA Jeff Moore.

Il quale aveva arrestato il vecchio Leo Sharp, ormai arricchito in tardissima età con le attività illecite, dove i proventi sono stati utilizzati a fin di bene.

Dal 2014 era in progetto un film per tutta la storia di Leo Sharp, inizialmente venne scelto Ruben Fleischer, ma Clint Eastwood ha avuto la meglio proprio perché l’attore non ha rivali nel raccontare storie del genere.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Morta Jessica Walter: addio a Lucille della serie Arrested Development

Il personaggio di Earl Stone è un vecchio cocciuto e coriaceo

Si metterà in carreggiata, ma sceglierà di non adeguarsi alla correttezza politica dei tempi attuali, cerca di dire sempre quello che pensa anche se questo danneggia la sensibilità altrui.

Il regista si trova sulla stessa lunghezza d’onda del protagonista, questo infatti ha portato al successo del film su larga scala, anche per la miglior apertura di sempre dopo titoli come “Gran Torino” e “Space Cowboys”.

Nel cast della pellicola The Mule ci sono anche Bradley Cooper, il quale avrà il ruolo di una agente DEA, con lui ci saranno anche Laurence Fishburne e Michael Pena.

Per quanto riguarda le interpreti femminili ci sono Dianne Wiest nei panni della ex moglie, e Alison Eastwood nei panni della figlia, quest’ultima è realmente la figlia di Clint.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: I tre giorni del Condor, stasera in Tv su Iris: trama e curiosità

A completare il cast ci sono Taissa Farmiga, Clifton Collins Jr., e Andy Garcia nei panni del boss di un Cartello messicano. Andy ha fatto conoscere di persona il jazzista cubano Arturo Sandoval a Clint Eastwood, il quale ha affidato la colonna sonora all’artista cubano.

Mentre il direttore della fotografia è Yves Bèlanger, il quale sostituisce Tom Stern, mentre da American Sniper è stato richiamato il fedele montatore Joel Cox, il quale ha collaborato con Clint su circa 30 pellicole, tutte realizzate insieme.