Meteo, l’anticiclone prende forza: ecco dove si sentiranno gli effetti

0
425

L’anticiclone africano è attivo in pieno anche se gli effetti sono ancora parziali, al Centro e al Sud è Primavera piena mentre al Nord ci sono ancora piogge ed instabilità: queste le principali previsioni meteo per oggi, sabato 22 maggio, secondo i dati del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, del meteorologo Mario Giuliacci e dell’Aeronautica Militare

Previsioni Meteo Giuliacci 22 maggio

Partiamo con i dati del bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso la sera di venerdì 21 maggio e valido per tutta la giornata di oggi sabato 22 maggio. Non sono presenti avvisi di meteo avverso e allerta specifiche nei singoli territori. La cartina dell’Italia è completamente verde.

Il servizio meteo dell’Aeronautica Militare

Ecco ora le previsioni dei singoli settori in cui è suddivisa l’Italia dati disponibili nel bollettino ufficiale del 22 maggio del servizio meteo dell’Aeronautica Militare

Nord Italia: –  Cielo coperto o molto nuvoloso su tutto il settore ed in particolare su Liguria e Friuli Venezia Giulia dove saranno possibili piogge sparse e temporali. Dalla tarda serata ampie schiarite con residui fenomeni sulle aree pianeggianti.

—>>> Ti potrebbe interessare anche L’iceberg più grande del mondo si è staccato dall’Antartide

Centro Italia e Sardegna: – Cielo sereno o poco nuvoloso su tutte le regioni peninsulari del Centro e sulla Sardegna, soleggiamento diffuso su Umbria e Marche. Fa eccezione la Toscana dove sono previste nubi e piogge isolate.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Giornata mondiale delle api: vitali per la Terra

Sud Italia e Sicilia: – Cielo in prevalenza sereno su tutto il meridione e sulla Sicilia faranno eccezione deboli velature sulla Puglia a metà giornata.

Previsioni Meteo 22 maggio: il video del meteorologo Giuliacci

Le temperature minime sono in netto aumento su tutto il Centro, sul Sud e sulle Isole maggori in calo su Lombardia ed Emilia Romagna. Le temperature massime sono stazionarie ma sopra la media stagionale ad eccezione dell’aumento previsto sulla Sardegna, sulla Sicilia e sull’Abruzzo e del lieve calo sul Nord.