Denise Pipitone, l’autore della lettera è uscito dall’anonimato

0
162

Denise Pipitone, l’avvocato della famiglia avrebbe incontrato la persona testimone dei momenti immediatamente successivi al rapimento

Gli appelli lanciati in Tv a Chi l’ha visto? da parte dell’avvocato Giacomo Frazzitta hanno avuto l’effetto sperato. Secondo quanto riporta Livesicilia, l’autore della lettera anonima indirizzata prima al legale e poi alla trasmissione di RaiTre, si è fatto vivo. L’avvocato di Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone, aveva chiesto alla persona che aveva scritto di aver visto la bambina il giorno della scomparsa – anzi, del rapimento stando a quanto aveva scritto – di mostrarsi, nel massimo della riservatezza.

L’autore della lettera e l’avvocato si sarebbero incontrati. Si tratta di un uomo ma sono ancora poche le informazioni su di lui. Oggi vive ancora in provincia di Trapani ma in una città diversa da Mazara del Vallo. Fu lì che si persero le tracce della bambina che all’epoca aveva 4 anni, il 1 settembre 2004.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, la ragazza in Brasile non è lei: la notizia falsa

Denise, messaggio dell’avvocato ai giornalisti: “È viva, non disturbate le indagini”

Denise Pipitone, il gruppo sanguigno della ragazza russa non coincide (Screenshot)

Nella lettera l’uomo scrisse che quel maledetto pomeriggio vide passare un’auto accanto alla sua con a bordo tre persone e la piccola Denise che piangeva. Aggiunse che per tutto questo tempo non ha parlato per paura. È sicuro che si trattasse di lei. Tra i tanti dubbi c’è uno: di chi ha paura l’uomo? Forse conosceva le tre persone in macchina?.

I giornalisti non devono disturbare le indagini“, così ieri l’avvocato in un video pubblicato su Instagram che ha ammonito la stampa che a volte nella ricerca della verità può far male proprio al raggiungimento di questo fine. “Devono fare inchieste ma non disturbare gli inquirenti”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, indagati Anna Corona e Giuseppe Della Chiave: le accuse

L’avvocato richiama alla riservatezza che è importantissima per il segreto istruttorio che serve proprio per trovare la verità. “Denise è viva e la dobbiamo trovare. Stiamo facendo passi avanti“, ha detto in conclusione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giacomo Frazzitta (@giacomofrazzitta)