Donald Lewis: il caso del musicista jazz ucciso negli USA

0
411

La morte di Donald Lewis: il caso del musicista jazz ucciso negli USA nel suo locale, sotto accusa un suo dipendente.

Donald Lewis

Il suo è uno dei casi più impressionanti di omicidio avvenuti negli USA negli ultimi anni: Donald Ray Lewis, nato il 6 febbraio 1951, era un residente di Milwaukee, Wisconsin, un famoso musicista jazz, un amato insegnante di musica e un imprenditore di successo come proprietario dello Young Urban Jazz Café. Chiunque chi lo ha conosciuto lo ha elogiato per la sua capacità di essere eccezionale nella sua musica e nella sua vita.

LEGGI ANCHE –> Heather Elvis, un giallo ancora aperto: cosa è accaduto

Ma tutto cambia improvvisamente nel 2016, quando il musicista aveva 65 anni. Venerdì 7 ottobre, la polizia è stata chiamata al jazz café di Donald perché era stata denunciata la sua scomparsa. E sua moglie, Celestine, ebbe subito la sensazione che qualcosa fosse andato terribilmente storto. Anche il registratore di cassa era stato svuotato e il sistema di sicurezza che di solito era in cucina “era stato rimosso con la forza”.

LEGGI ANCHE –> Sergio Alvarez, i crimini dell’ex poliziotto e la denuncia della moglie

Il caso della morte di Donald Lewis: le indagini della polizia

Fu istintivo per le forze dell’ordine pensare a una rapina finita male, ma qualcosa non quadrava in questa vicenda. Così, la notte successiva, l’8 ottobre 2016, gli investigatori hanno rivisitato la scena, solo per scoprire il corpo senza vita del proprietario scomparso, nascosto nel seminterrato del suo caffè, bloccato da scatole di cartone. L’autopsia ha poi rivelato che è morto dopo essere stato colpito tre volte a distanza ravvicinata. L’impiegato trentenne di Donald Lewis, Jason Dixon-McNeal, noto anche come Jason Small, è stato colui che lo ha ucciso. Il giorno in cui Donald è scomparso, c’era anche Jason, che non si era presentato per il lavoro di cucina e cassiera nel bar che aveva tenuto da maggio.

In un primo momento, è stato considerato anche lui una vittima. Ma nel pomeriggio dell’8 ottobre, dopo che gli agenti hanno risposto a una chiamata su qualcuno che si “nascondeva in un sottotetto”, hanno trovato Jason vivo e vegeto. E il primo segno della sua colpa è stato che è scappato non appena ha visto gli agenti in divisa. Nella zona, c’era un bidone della spazzatura, che durante la ricerca ha rivelato componenti di un sistema DVR rotto, simile alla sorveglianza di sicurezza che Donald aveva installato nel suo stabilimento. Insieme a questo, c’erano numerosi asciugamani, panni e grembiuli, con alcuni guanti di plastica, tutti intrisi di sangue. Quel sangue apparteneva a Donald Lewis. Invece, le impronte digitali lasciate all’interno dei guanti erano di Jason.

I video di sorveglianza del bar mostravano Jason rimuovere l’arma che Donald teneva sotto il bancone per motivi di sicurezza e poi seguire il suo capo in cucina in cima alle scale del seminterrato. Successivamente, lo si poteva vedere andare avanti e indietro dalla cucina al seminterrato prima di trasferire tutti i soldi dalla cassa in una borsa nera, che sembrava aver portato con sé. Jason Small sta ora scontando l’ergastolo.