Reazione a catena: Tre Forcellini e Tre alla seconda in finale

0
399

Reazione a catena, questa sera la gara finale che decreterà chi sono in vincitori che saranno sfidati da nuovi concorrenti

Reazione_a_Catena
Reazione a Catena (Getty Images)

Con la vittoria dei fratelli Bartoloni (i Tre alla seconda), nella seconda semifinale di sabato scorso, questa sera a Reazione a Catena andrà in scena la finale contro i Tre Forcellini. Chi vincerà la sfida dei campioni affronterà a partire da domani i nuovi concorrenti e così dopo una settimana dalla ripresa di uno dei giochi estivi più amati della televisione si entrerà nel vivo della nuova edizione.

Le puntate andate in onda, come il conduttore Marco Liorni ha già spiegato, riguardano gli ex campioni che si sfidano per essere entrare in gara contro altri e nuovi concorrenti. I Tre Forcellini, Simone, Gianluca e Alessandro, battendo le Regine di fiori venerdì scorso, non solo hanno avuto come merito l’accesso alla finale ma hanno messo le mani anche su un montepremi di 20mila euro. Bordo e breve erano le due parole da cui sono partiti e pur dimezzando il montepremi hanno individuato la parola passeggero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Gianni Bella non c’è più”, gaffe di Memo Remigi in diretta

Reazione a Catena, chi sono i finalisti

Il giorno dopo, invece, il fratelli dei Tre alla seconda hanno vinto molto meno, quasi 1580 euro, ma ciò che più conta è che sono volati in finale potendosi così giocare il titolo di campione e andare avanti nel gioco. La parola vincente è stata estrazione, abbinata a classe e pesca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Francesco Guccini, dalla pubblicità ai film: tre curiosità sul cantautore

Gianluca Maguolo, Simone Pelizzola e Alessandro Fiorindo sono i componenti dei Tre Forcellini, zona di Padova dove si trova la mensa universitaria, luogo dove si sono incontrati. Fiorentini di San Jacopino, invece, i fratelli Bartoloni devono il loro nome perché sono nati a distanza di 3 anni e 3 mesi l’uno dall’altro. Parteciparono la prima volta con il nome I belli di babbo nel 2017 ma non andò molto bene. Ha poi deciso di riprovarci, con esiti chiaramente diversi e migliori.