Denise Pipitone, giornalisti minacciati: clima teso a Mazara

0
189

Denise Pipitone, le troupe degli inviati vivono momenti di paura per le aggressioni subite. Episodi denunciati ai carabinieri

Denise Pipitone
Screen aggressione giornalista trasmissione Ore 14

Oggi la trasmissione di RaiDue condotta da Milo Infante, Ore 14, ha mandato in onda l’aggressione subita un inviato a Mazara del Vallo, il paese siciliano dopo quasi 17 anni fa scomparve Denise Pipitone, la piccola di quattro anni. Si vede un uomo con in mano un casco che minaccia il giornalista, lanciandoglielo contro.

Il caso era già stata denunciato e ora è stata trasmesso. Il conduttore in studio si è rivolto direttamente all’aggressore dicendogli di non avere paura, parlando al plurale per la sua trasmissione che purtroppo non è stata l’unica ad essere aggredita. Anche gli inviati di altri programmi Rai hanno avuto a che fare con persone che non hanno gradito la presenza di giornalisti e li hanno allontanati non pacificamente: è successo per Chi l’ha visto? di RaiTre e Storie Italiane.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La rabbia di Piera Maggio: “Vergogna, noi siamo vittime”:

Denise Pipitone, aggressioni continue ai giornalisti

Denise Pipitone, una donna spunta in procura dichiarando di averla trovata (Leggilo.org)

L’inviato di Ore 14 ha esposto denuncia ai carabinieri di Mazara del Vallo martedì scorso, giorno dell’aggressione. Dopo aver trasmesso la registrazione dove si vede un uomo uscire da un cancello e lanciare il casco al giornalista, in studio Milo Infante si augura che l’aggressore sia stata convocato dai militari che hanno raccolto la denuncia. “Se la persona non è stata nemmeno chiamata, mi aspetto che questo venga fatto entro oggi, altrimenti – continua il conduttore –  c’è una disattenzione imperdonabile perché gli inviati ci mettono la passione e la testa”.

L’inviato va anche fuori casa di Francesca Adamo, una delle testimoni del caso di Denise. Si avvicina un uomo che lo inviata ad andare via dicendo che le persone sono stanche. Arrivano anche i carabinieri e quando poi vanno via i toni dell’uomo sono più minacci.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fedez denunciato per la hit “Mille”: la reazione inattesa – VIDEO

Dice al giornalista che sono problemi suoi se lo dovesse rivedere di nuovo là. Rientrando in studio Milo Infante non usa mezzi termini e afferma che quello è un linguaggio mafioso. È ormai evidente che il clima a Mazara del Vallo verso la stampa è carico di tensione.