Morta la regista Clare Peploe, addio alla moglie di Bertolucci

0
312

È morta la regista Clare Peploe, per quarant’anni accanto al grande maestro. Si è spenta a Roma all’età di 79 anni

Clare Peploe
Clare Peploe (Getty Images)

Ieri sera nella capitale è morta a 79 anni la regista e sceneggiatrice Clare Peploe. La notizia è stata diffusa dalla pagina Instagram Bernardo Bertolucci. Sposò il grande regista morto 3 anni fa nel 1979.

Nata a Zanzibar nel 1942, aveva studiato tra la Sorbona di Parigi e l’Università di Perugia. La causa della morte è una malattia che pare non le abbia lasciato troppo tempo. Un colpo duro per la cultura italiana e per Parma in particolare, città natale del marito alla quale la donna era legata e con piacere tornava.

Con Bertolucci un legame non solo personale e passionale ma anche professionale. Aveva infatti collaborato alla sceneggiatura de La Luna e L’assedio. Aveva anche lavorato al copione di Zabriskie Point con Michelangelo Antonioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Emilio Solfrizzi, da Caro Maestro e Striscia alla satira sulla Mafia

Clare Peploe, una vita accanto al maestro

Clare Peploe e Bertolucci (foto Instagram)

La versione restaurata di Ultimo tango a Parigi del 2017 pare sia merito suo, o meglio, merito delle sue insistenze affinché si mettesse di nuovo mano all’opera del maestro, suo compagno di vita. Fu accanto a lui fino alla fine e lo accompagnò in giro per il mondo a ritirare premi e riconoscimenti.

Era stata all’assistenza di Novecento, il capolavoro del marito, poi aveva realizzato il suo primo film, Alta stagione, premiato a San Sebastian, e Miss Magic con un giovane Russell Crowe.

Tra i film più recenti c’è Il trionfo dell’amore anche se risale ormai a venti anni fa, nel 2001, quando lo presentò anche al Festival del Cinema di Venezia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Canada, orrenda scoperta: fossa comune di bambini vicino scuola cattolica

Alla sua formazione contribuì molto la famiglia di origini inglesi che aveva girato in tutto il mondo. Così fece anche lei: viveva infatti tra Londra e Roma ma non si sentiva solo italo-inglese avendo vissuto per lunghi periodi anche in altre nazioni.