Barbara D’Urso si schiera coi pride, piovono insulti: “Che schifo”

0
263

La conduttrice televisiva di Mediaset, Barbara D’Urso, in un post su Twitter si schiera coi pride, piovono insulti: “Che schifo”.

(Instagram)

Che Barbara D’Urso sia sempre stata favorevole a leggi che promuovano i diritti di LGBTQ+ è cosa nota, per cui non ha sorpreso molti la sua presa di posizione pubblica a favore del ddl Zan. Ora la conduttrice televisiva di Mediaset, con un post su Twitter, pubblica la foto di un bacio omosessuale a un pride e ‘benedice’ quelli che oggi si svolgeranno a Roma e Milano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Torre Annunziata, in sette lo aggrediscono perché gay

Queste le parole della conduttrice televisiva con un tweet che sta facendo davvero molto discutere: “Oggi Roma e Milano saranno invase dall’onda arcobaleno in occasione dei pride, che io sostengo e sosterrò sempre perché ogni forma d’amore dev’essere difesa e protetta!”. Secondo gli hashtag #loveislove #pride e #ddlzan.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Eva Grimaldi: chi è Imma Battaglia, la sua compagna di vita

Le reazioni alle parole di Barbara D’Urso sul Pride: tanti i commenti critici

La presa di posizione della nota conduttrice di Canale 5 però divide quanti la seguono sui social network. Da una parte, c’è chi applaude e anzi la invita a sostenere i pride non solo sui social network, ma anche dal vivo, scendendo appunto oggi in piazza a Milano o Roma, dall’altra in tanti la accusano di aver preso una posizione sbagliata. Si domanda una utente: “A quando un ‘Etero pride’? O forse non si può fare perché sarebbe una discriminazione?”. Ma si tratta solo di una delle tante prese di posizione che ‘bocciano’ la D’Urso.

Altri evidenziano: “Tutto troppo esagerato”, oppure “A me non piace e dico no al DDL Zan”. Piovono anche critiche ben più pesanti: “Non ho nulla contro i gay ma perché baciarsi così, a me viene da vomitare. E tu non fare finta che ti piace, perché non è vero”. Qualcuno argomenta anche: “L’amore puro ama il proprio sesso, non osa tradirlo, si dona solo ed esclusivamente alla sua dolce metà, la donna”. Quello sui diritti civili di LGBTQI, nel nostro Paese, è ancora oggi un tema fortemente divisivo.