Finale Europei, la proposta della Raggi: “Apriamo l’Olimpico”

0
309

Finale Europei, la prima cittadina della capitale in un tweet tagga il Coni, proprietario della struttura, per vedere la gara sul maxischermi

Finale Europei
Stadio Olimpico Euro 2020 (Getty Images)

Va subito in cassaforte la vittoria dell’Italia di ieri sulla Spagna perché ora bisogna già pensare alla finalissima di domenica prossima contro Inghilterra o Danimarca. I pensieri proiettati alla gara non sono solo della squadra e dello staff di Mancini e dei milioni di tifosi che vogliono spingere gli azzurri verso la vittoria ma anche degli amministratori locali.

La partita di domenica mette alla spalle il periodo più buio della storia della Nazionale con la mancata qualificazione all’ultimo mondiale ma com’è già avvenuto per le prime tre gare del girone giocate a porte aperte all’Olimpio, si vuole fare un’ulteriore tappa che riporta alla ‘normalità’ pre-Covid.

Una proposta che può regalare una sera davvero speciale la lancia la sindaca di Roma Virginia Raggi. Via Twitter tagga il Coni (proprietario dello stadio) e chiede di aprile l’Olimpico per trasmettere sui maxischermi la finale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Italia-Spagna, Piquè non ci sta: l’amara polemica sui calci di rigori

Finale Europei con gli spettatori: la Lega Calcio guarda al modello estero e scrive al governo

Getty Images

I Tweet della sindaca sono due. Nel secondo rilancia la proposta taggando la società in seno al Coni, Sport e Salute, chiedendo se sono d’accordo.

Proprio in queste ore la questione del pubblico allo stadio è diventato argomento più caldo. Gli spettori agli Europei (ieri per la semifinale erano 65mila e per la finale potrebbero essere di più) e le decisioni prese da altri paesi, hanno spinto la Lega Calcio di Serie A a scrivere al governo.

Mentre Spagna, Francia e Inghilterra hanno riaperto le tribune degli impianti, l’Italia ha ancora la regola della capienza massima del 25%. In questi giorni c’è stata una riunione informale tra le società poi la Lega ha scritto a Draghi, al ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti e alla Sottosegretaria allo Sport Vezzali per chiedere un incontro e di modificare l’attuale regolamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Euro 2020, Jorginho: infallibile dal dischetto e con le donne

Ovviamente la riapertura degli stadi passa dalla sicurezza per gli spettatori e infatti si potrà entrare solo se in possesso del green pass o di altre regole come la negatività di un tampone, rispettate durante l’Europeo.