Salernitana, la Figc accetta il trust: i granata sono in Serie A

0
136

La Salernitana può finalmente festeggiare: è certa di giocare nella massima categoria il prossimo anno: al via la programmazione

Salernitana
Getty Images

A Salerno possono tirare un sospiro di sollievo. La Serie A conquistata sul campo poteva svanire dopo il respingimento del trust avvenuto la settimana scorsa da parte della Figc che nel consiglio di oggi ha accettato le modifiche chieste a apportate. La Salernitana giocherà dunque il prossimo campionato in Serie A.

Il Consiglio Federale ha preso atto del parere positivo della CoViSoc e ha votato favorevole al nuovo trust tranne il presidente della Lega di Serie B Mauro Balata che si è astenuto. Precedentemente era stato bocciato perché era stato rilevato che c’era poca autonomia economica tra la vecchia proprietà del presidente della Lazio Claudio Lotito e la nuova. Oggi il Consiglio ha invece scritto che “la previsione finanziaria è ritenuta credibile e coerente”.

“L’odierna decisione è quella per la quale ci siamo impegnati a tutti i livelli istituzionali nelle ultime settimane: rispettare il verdetto del terreno di gioco”, si legge sul sito salernitananews che riporta le parole del sindaco di Salerno Vincenzo Napoli.

POTREBBE INTERRSSARTI ANCHE >>> Finale Europei, la proposta della Raggi: “Apriamo l’Olimpico”

Salernitana, termina l’era Lotito: ora sei mesi di tempo

Salernitana
Claudio Lotito (Getty Images)

E così diciannove anni dopo l’ultima volta e per la terza volta nella sua ultracentenaria storia, la Salernitana il mese prossimo prenderà parte al campionato di Serie A. Una decisione che dà modo alla società di programmare l’imminente futuro anche per il calciomercato visto che delle trattative erano state congelate in attesa di conoscere quale sarebbe stata la categoria dove i granata avrebbero giocato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, presto il nuovo aggiornamento: novità sui video inviati

Ora il trustee nominato dalla società in sei mesi dovrà cedere la Salernitana ad un nuovo acquirente, chiudendo di fatto l’era di Lotito e Mezzaroma che a Salerno è durata dieci anni.