Uccide un cane e lo trascina con una corda, poi pubblica il video: arrestato

0
103

Uccide il cane del vicino, lo trascina con il furgone e pubblica il video sui social: arrestato a Mazara del Vallo un uomo di 44 anni per uccisione di animali e detenzione abusiva di armi.

uccide il cane del vicino e pubblica il video, arrestato
Credit: Pixabay

Ha ucciso il cane del vicino a colpi di pistola, poi lo ha legato al suo furgone con una corda e lo ha trascinato in strada, filmando il tutto e condividendo il video sui social. L’uomo, un 44enne romeno di Mazara del Vallo, in Sicilia, aveva rivendicato il gravissimo atto spiegando che l’animale aveva morso la mano di sua figlia.

L’associazione Nazionale protezione animali Onlus, dopo che il video ha iniziato a girare sui vari social, ha presentato denuncia ai carabinieri. Il 44enne è così finito agli arresti domiciliari per vari reati: uccisione di animali, detenzione di illegale di arma, armi clandestine, alterazioni di armi e detenzione abusiva di armi e munizionamento.

Ti potrebbe interessare anche -> Salerno, indagati un magistrato e un generale della GdF per corruzione

Uccide il cane del vicino e viene arrestato: le indagini

Dopo la denuncia, i carabinieri della compagnia di Mazara del Vallo hanno avviato una dettagliata indagine riuscendo a risalire all’identità dell’uomo. Sui social aveva pubblicato, oltre al filmato in cui trascinava il corpo senza vita del cane, anche alcuni selfie con in mano pistole e munizionamento vario.

Così, raccolti tutti gli elementi, i carabinieri hanno perquisito la casa del 44enne, trovandolo in possesso di un’arma da fuoco artigianale e clandestina, 80 cartucce a pallettoni a calibro 12, oltre 100 cartucce a “salve” calibro 9 e una pistola a “salve” calibro 9 modificata senza il “tappo rosso”.

Ti potrebbe interessare anche -> Video dal dark web dell’uccisione di una donna: si indaga per capire se è Saman Abbas

Tutto il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro. Adesso per l’uomo, per cui sono stati disposti gli arresti domiciliari, è scattato l’obbligo di dimora nel comune di Mazara del Vallo e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Inoltre gli è stata sospesa l’erogazione del reddito di cittadinanza che percepiva.