Egan Bernal, il dramma del ciclista: piccolo tifoso morto investito

0
130

Lutto per il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia, Egan Bernal, il dramma del ciclista: piccolo tifoso morto investito.

(Stuart Franklin/Getty Images)

Il ciclista colombiano Egan Bernal ha dedicato oggi un sentito addio a Julián Esteban Gómez, un ragazzo di 13 anni che è morto domenica dopo essere stato investito da un rimorchio mentre si allenava su un’autostrada nella cittadina colombiana di Zipaquirá, dove è nato il vincitore dell’ultimo Giro.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Ciclismo, Egan Bernal vince il Giro d’Italia: la classifica finale

“Pedala molto in alto, Julián”, si legge in un emozionante video che l’atleta colombiano ha pubblicato sui suoi social, accompagnato da immagini in bianco e nero del giovane che piange mentre festeggia in lacrime il titolo di Bernal al Tour de France 2019. Inoltre ci sono immagini di quando si incontrarono per la prima volta.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Egan Bernal, vincitore del Giro d’Italia: il bacio con la fidanzata Fernanda

Il dramma di Egan Bernal: la tragedia del suo giovane tifoso

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Egan Bernal (@eganbernal)

Sebbene nessuna autorità abbia confermato le circostanze in cui il minore è stato investito, i media locali sottolineano che l’incidente è avvenuto nel settore di Manas sulla strada tra le città di Zipaquirá e Cajicá, nel dipartimento di Cundinamarca. “Oggi piangiamo per te Julián, il vero orgoglio del mio Paese”, ha scritto il vincitore della maglia rosa. Il ragazzino era uscito con altri ciclisti, tra cui suo zio, Guillermo Caicedo, per allenarsi domenica, quando il camion si è avvicinato pericolosamente a loro e il clacson ha iniziato a suonare.

A causa del rumore, il ragazzo si è spaventato, ha perso il controllo della bicicletta ed è caduto a terra, secondo i media locali. Il conducente dell’autoarticolato è stato rilasciato per mancanza di prove, anche se la Procura sta indagando sull’accaduto. Il giovane atleta faceva parte della squadra ciclistica Zipaquirá, allenata dall’ex ciclista Fabio Rodríguez, e sognava di diventare un professionista. Anche lo scalatore Movistar Miguel Ángel ‘Supermán’ López si è rammaricato della sua morte, che ha commosso l’intero paese.