Morto per un malore lo scrittore Christian La Fauci

0
306

E’ stato trovato morto in casa, colto da un malore, lo scrittore, esperto di calcio inglese, Christian La Fauci, 46 anni. La madre, non autosufficiente e gravemente ammalata, è morta di inedia

(Screen video)

Mondo della letteratura sportiva in lutto per la morte, nella sua abitazione sita al quartiere Marassi di Genova, dello scrittore, esperto di calcio inglese, Christian La Fauci. Secondo le prime informazioni, lo scrittore, 46 anni, sarebbe morto per un malore. La Fauci viveva con l’anziana madre, 86 anni, gravemente malata e non autosufficiente, che sarebbe morta di inedia per non essere stata in grado di allertare i soccorsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lina Sastri, il dramma della morte del fratello Carmine: ucciso dal Covid

Gli agenti delle volanti della Squadra Mobile della Questura di Genova, intervenuti dopo essere stati allertati da un amico di La Fauci che non lo sentiva da giorni, hanno rinvenuto nell’abitazione dove madre e figlio vivevano i loro corpi in avanzato stato di decomposizione, ognuno nella propria camera da letto.

E’ morto per un malore lo scrittore Christian La Fauci, la madre di stenti. Un passione per il calcio d’Oltremanica

Il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Genova, Stefano Puppo, ha aperto un fascicolo per omicidio colposo per poter procedere agli accertamenti anche se entrambi i decessi sono avvenuti per cause naturali. Inoltre verranno sentiti i conoscenti delle due vittime e analizzati i farmaci trovati in casa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Morto per influenza aviaria un ragazzino di soli 11 anni, è allerta

Come anticipato nel primo paragrafo, Christian La Fauci era non solo un esperto di calcio inglese ma anche un grande tifoso rossoblù, eppure la sua grande passione era il calcio d’Oltremanica, in particolare Matt Le Tissier, uno dei più estrosi calciatori inglesi a cavallo degli anni Novanta e degli inizi di quelli del Duemila, idolo dei tifosi del Southampton da cui era soprannominato il “Dio dei Saints (nomignolo dei giocatori del Southampton)”. Aveva all’attivo anche alcuni libri dedicati proprio al calcio d’Oltremanica tra cui “A-marcord”.